Usa, dietro il boom delle mandorle, la strage delle api usate per l’impollinazione

La guerra dell’uomo contro le api continua con nuovi fronti, e un colpo pesante a questi animali così importanti per l’equilibrio dell’ecosistema sembra arrivare dalla produzione di mandorle. A raccontarlo è il quotidiano inglese Guardian, che parte dalla storia di Dennis Arp, apicoltore statunitense.  “Come la maggior parte degli apicoltori commerciali negli Stati Uniti, almeno la metà delle entrate di Arp proviene ora dalle impollinatrici di mandorle. Vendere miele è molto meno redditizio che affittare le sue colonie a mega-fattorie nella fertile Central Valley della California, che ospita l’80% della fornitura mondiale di mandorle” spiega il Guardian. Ma mentre l’inverno si avvicinava, le sue api iniziano a ammalarsi. A ottobre 150 degli alveari di Arp vengono stati spazzati via dagli acari, il 12% del suo capitale in pochi mesi. La sua storia non è isolata. “Gli apicoltori commerciali che inviano i loro alveari alle fattorie di mandorle vedono morire le loro api in numero record e nulla di ciò che fanno sembra fermare il declino”, continua il quotidiano, che cita un recente sondaggio tra apicoltori commerciali, che ha mostrato che 50 miliardi di api – più di sette volte la popolazione umana del mondo – sono state spazzate via in pochi mesi durante l’inverno 2018-19. Si tratta di oltre un terzo delle colonie di api commerciali statunitensi, il numero più alto dall’inizio dell’indagine annuale a metà degli anni 2000.

Il ruolo dei pesticidi

Gli apicoltori hanno attribuito l’alto tasso di mortalità all’esposizione ai pesticidi, alle malattie da parassiti e alla perdita dell’habitat. Tuttavia, ambientalisti e apicoltori biologici sostengono che il vero colpevole è qualcosa di più sistemico: la dipendenza americana dai metodi di agricoltura industriale, in particolare quelli usati dall’industria delle mandorle, che richiede una meccanizzazione su larga scala di uno dei processi naturali più delicati della natura. Secondo il Guardian, “Le api prosperano in un paesaggio a biodiversità. Ma l’industria delle mandorle della California li colloca in una monocoltura dove i coltivatori si aspettano che le api siano prevedibilmente produttive anno dopo anno”. Ogni anno negli Stati Uniti muoiono più api di tutti gli altri pesci e animali allevati per la macellazione messi insieme. Nate Donley, scienziata senior del Center for Biological Diversity dichiara al Guardian: “L’alto tasso di mortalità crea un triste modello di business per gli apicoltori. È come mandare le api in guerra. Molti non tornano”.

Un’industria in costante crescita

L’industria delle mandorle della California da $ 11 miliardi (£ 8,4 miliardi) è cresciuta a un ritmo straordinario. Nel 2000, i mandorleti occupavano 500.000 acri. Nel 2018 questo era più che raddoppiato, producendo 1 miliardo di tonnellate di mandorle vendute ogni anno in tutto il mondo. Le vendite statunitensi di latte di mandorle sono cresciute del 250% negli ultimi cinque anni per raggiungere 1,2 miliardi di dollari, oltre quattro volte quella di qualsiasi altro latte di origine vegetale, secondo un rapporto Nielsen del 2018.

Per le mandorle servono molte più api

I pesticidi sono usati per tutti i tipi di colture in tutta la California, ma la mandorla è irrorata con quantità assolute maggiori rispetto a qualsiasi altra coltura. Uno dei pesticidi più ampiamente applicati è l’erbicida glifosato (AKA Roundup), che è un alimento base per i coltivatori di mandorle su larga scala e ha dimostrato di essere letale per le api e causare il cancro nell’uomo. E l’enorme quantità di alveari richiesta dai mandorleti supera di gran lunga quella di altre colture: le mele, il secondo più grande raccolto di impollinazione d’America, usano solo un decimo del numero di api. In più, le api si concentrano contemporaneamente in una regione geografica, aumentando esponenzialmente il rischio di diffondere la malattia.

La legge Californiana

Lo scorso gennaio, una legge sulla protezione degli impollinatori è entrata in vigore in California come parte dell’iniziativa “Bee Where” dello stato. Per questo programma, gli apicoltori sono tenuti a registrare la posizione dei loro alveari con il commissario agricolo della contea e gli agricoltori devono informare preventivamente il commissario di eventuali piani di irrorazione di pesticidi.

Le etichette sostenibili

La speranza è stata trovata in un nuovo programma di certificazione che, simile alle etichette “organiche” o “di libero scambio”, aiuterà i consumatori a scegliere i prodotti che sono stati realizzati con metodi ecosostenibili. Il programma di certificazione “Bee Better”, lanciato nel 2017 dalla non-profit Xerces Society, introduce la biodiversità nei mandorleti per controllare naturalmente i parassiti e nutrire le api da miele. Xerces sta lavorando con i coltivatori di mandorle per piantare fiori selvatici della California, senape e trifoglio tra le file di alberi e siepi fiorite autoctone lungo il perimetro del frutteto – una specie di recinzione ecologica per tenere le api nel frutteto. Il gelato Häagen-Dazs è la prima azienda alimentare a vendere prodotti con il sigillo Bee Better. La barra di mandorle al cioccolato al latte alla vaniglia a misura di ape è stata lanciata a dicembre, con altri tre gusti di gelato alle mandorle a misura di ape che saranno disponibili all’inizio del 2020.