Uno studio associa gli insetticidi piretroidi a maggiore rischio di mortalità

I piretroidi sono una categoria di insetticidi comunemente usati nei campi e anche nei prodotti domestici. Ora un nuovo studio pubblicato sulla rivista Jama internal medicine rende noto che sono legati a un aumento di rischio di morte a causa di problemi cardiovascolari. Hans-Joachim Lehmler, professore di salute ambientale presso il College of Public Health dell’Università di Iowa a Iowa City, ha coordinato lo studio che ha seguito le persone per una media di 14 anni, scoprendo che quelle con più esposizione a queste sostanze chimiche avevano un po’ più probabilità di morire per qualsiasi causa rispetto a quelli con l’esposizione più bassa. Ed erano tre volte più probabilità di morire di malattie cardiache in particolare.

Le sostanze sotto accusa

Come riporta Consumer Reports, i piretroidi, che attualmente rappresentano circa il 30 percento degli insetticidi usati in tutto il mondo, possono anche essere usati nella cura delle pulci da compagnia e per proteggere da formiche, scarafaggi, zanzare e zecche. La categoria comprende permetrina, cipermetrina, deltametrina e cyfluthrin. Sostanze usate anche nei normali antizanzare e in alcuni casi nei prodotti che si spalmano sulla pelle. Poche prove in passato avevano accennato a potenziali danni al cuore causati da questi pesticidi. Un piccolo studio condotto in Cina nel 2017 ha trovato un legame tra le malattie cardiache e l’esposizione ai piretroidi, ma il nuovo studio JAMA è il primo a esaminare i decessi associati a queste sostanze chimiche. Lo stesso Lehmler, coordinatore dello studio, ha affermato che uno studio come questo non può dimostrare causa ed effetto dell’associazione e che sono necessarie molte più ricerche per confermare o confutare questi risultati.

Lo studio nel dettaglio

Nello studio, gli scienziati dell’Università dell’Iowa hanno esaminato le informazioni su 2.116 adulti con un’età media di circa 43 anni. Tutti hanno fornito un campione di urina al National Health and Nutrition Examination Survey degli Stati Uniti tra il 1999 e il 2002. Gli scienziati hanno testato i campioni per una varietà di sostanze, tra cui l’acido 3-fenossibenzoico (3PBA), un marker che indica la precedente esposizione ai piretroidi. Gli scienziati hanno anche esaminato i dati sulla salute generale e lo stato socioeconomico dei partecipanti, se sono morti durante il periodo di studio e, in tal caso, la loro causa di morte. Le persone con le più alte concentrazioni di 3PBA nelle urine avevano circa tre volte più probabilità di morire di malattie cardiovascolari rispetto a quelle che avevano le concentrazioni più basse del marker chimico. I ricercatori hanno preso in considerazione una varietà di fattori che potrebbero aver influenzato i loro risultati, tra cui la qualità della dieta, lo stato di fumo, i livelli di reddito e di istruzione. I ricercatori affermano che i risultati dovrebbero essere interpretati con cautela perché il numero di persone che sono morte per malattie cardiovascolari durante lo studio era relativamente piccolo, solo 41 su 246 decessi totali durante il periodo di studio.