Il piatto criminale, anche Agrofarma si muove contro i pesticidi illegali

Un numero verde per denunciare furti e segnalare casi “sospetti” di utilizzo di pestidici illegali. Dopo la denuncia giornalistica dell’impiego di trattamenti fitosanitari vietati da anni nell’Agro Pontino, partita delle investigazioni di Marco Omizzolo, sociologo e attivista, e riprese da alcune testate tra cui il Salvagente che gli ha dedicato la copertina nel numero in edicola (clicca qui per accedere) Agrofarma, Associazione nazionale imprese agrofarmaci che fa parte di Federchimica, in collaborazione con i Carabinieri del Nas, ha attivato “un sistema di rapida allerta dei furti e per la segnalazione di casi “sospetti”, anche attraverso un numero verde dedicato: 800-913083“.

L’inchiesta completa su pesticidi illeagli e traffico di principi attivi nel nuovo numero del Salvagente

Scrive in una nota l’associazione di categoria: “In relazione alla vicenda che riguarda agrofarmaci e prodotti chimici illegali impiegati in alcune coltivazioni dell’Agro Pontino, al centro di diverse inchieste mediatiche,(…) Federchimica-Agrofarma precisa che è costantemente impegnata nel contrasto alla contraffazione di prodotti chimici e al commercio di agrofarmaci illegali. A tale scopo, è stato attivato un accordo con i Nas che prevede un sistema di rapida allerta dei furti e per la segnalazione di casi “sospetti”, anche attraverso un numero verde dedicato (800 913083). A questa iniziativa si aggiungono la collaborazione con le attività del Nucleo dei Carabinieri per la Tutela agroalimentare, l’attività di formazione a favore delle Autorità di controllo e dei diversi soggetti della filiera, l’assistenza tecnica agli organi investigativi (Carabinieri dei NAS e dei NAC, Procure) e il lancio di campagne informative per gli imprenditori agricoli”.

Un business da 90 milioni

In Italia la contraffazione degli agrofarmaci comporta un danno stimato in oltre 90 milioni di euro, equivalente a circa il 10% del mercato annuo del settore. Tale fenomeno si origina principalmente da furti, contraffazioni o importazioni parallele illegali e riguarda tutte le tipologie di agrofarmaco (insetticidi, fungicidi ed erbicidi). Gli indici di anomalia che possono essere individuati sono prodotti venduti a prezzi diversi da quelli di mercato, confezioni non chiaramente identificabili come originali – con etichette in lingua non italiana oppure distribuiti al di fuori dei canali regolamentari – o non integre, prodotti visibilmente riconfezionati o rilasciati senza la documentazione fiscale necessaria.

“Servono misure condivise e la collaborazione di tutti gli operatori della filiera per contrastare efficacemente il fenomeno dei prodotti chimici illegali” spiega Alberto Ancora, presidente di Federchimica Agrofarma che aggiunge: “Monitoriamo costantemente il fenomeno dell’impiego di agrofarmaci non conformi, perché comportano danni non solamente di carattere economico e di immagine per le aziende del comparto agrofarmaceutico, ma che si riflettono su tutta la catena del prodotto, dagli operatori del settore agricolo ai consumatori”.

Acquista qui il nuovo numero del Salvagente con l’inchiesta completa sulla filiera sporca e le analisi di laboratorio su zucchine e pomodori.