Brasile, sospesa l’autorizzazione di 63 pesticidi tossici

Il Tribunale federale di Ceará, uno stato nel nord-est del Brasile, ha sospeso la registrazione di 63 pesticidi effettuata dal ministero dell’Agricoltura a settembre scorso. La decisione non è definitiva dal momento che il governo ha già fatto sapere di essere pronta al ricorso.

La richiesta è stata presentata attraverso un’azione popolare presentata dal deputato federale Célio Studart (PV-CE). Tra i prodotti più controversi registrati a settembre ci sono quelli a base di sulfoxaflor, che è stato correlato alla riduzione degli sciami di api. Gli altri prodotti per i quali il tribunale ha sospeso l’autorizzazione sono i principi attivi fluopiram, che viene utilizzato per uccidere i funghi, e dinotefuram, un insetticida.

“L’autorizzazione per la libera commercializzazione di pesticidi con un alto tasso di tossicità è incompatibile con i principi che regolano l’attività economica […] In nessun luogo del mondo esiste un paese economicamente ricco con una popolazione gradualmente malata: una circostanza che si verificherà presto se non combattiamo oggi la pratica inclusiva di tali agenti chimici e biologici dannosi per il nostro ambiente ”, ha affermato il magistrato.

Il dinotefuram è usato per controllare gli insetti succhiatori come le cimici dei letti. Può essere applicato in 16 colture: riso, avena, patate, caffè, canna da zucchero, segale, orzo, agrumi, fagioli, miglio, mais, pascolo, soia, pomodori, grano e triticale. È considerato estremamente tossico dalla National Health Surveillance Agency (Anvisa). Il pesticida non è registrato per uso agricolo nell’Unione Europea (solo domestico) e viene rivalutato negli Stati Uniti, dove il primo record è del 1985. Per uso agricolo, il prodotto è stato approvato dal 2004.

Il fungicida fluopiram è un prodotto indicato per combattere i parassiti che attaccano le radici delle piante (nematodi) e avrà l’autorizzazione per 7 colture: cotone, patate, caffè, canna da zucchero, fagioli, mais e soia.