Studio sul dna dei prodotti a base di erbe: in Italia 1 su 5 non è quello che dice

Un prodotto a base di erbe su 5 in Italia è contiene sostanze non dichiarate. A dirlo uno studio che ha analizzato il dna di 5.957 campioni prodotti commerciali venduti in 37 paesi del mondo, pubblicato su Frontiers in Pharmacology, coordinato da Mihael Cristin Ichim dell’Istituto nazionale rumeno di ricerca e sviluppo per le scienze biologiche. A livello globale, il 27% – non conteneva quanto affermato sull’etichetta. In Europa, la percentuale di prodotti adulterati si attesta al 47%, superiore al Nord America al 33% e in Asia al 23% ma inferiore all’Australia dove il 79% dei prodotti è risultato adulterato.

La differenza da paese a paese

La percentuale più alta di erbe commerciali adulterate è stata segnalata per il Brasile (68%), seguita a distanza da Taiwan (32%), India (31%), Usa (29%), Malesia (24%), Giappone (23%), Corea del Sud (23%), Tailandia (20%) e Cina (19%). “I nostri risultati confermano la presenza su larga scala di prodotti a base di erbe adulterate in tutto il mercato globale” spiegano i ricercatori, “I prodotti a base di erbe adulterati contengono contaminanti non dichiarati, sostanze sostitutive e di riempimento, o nessuna delle specie etichettate, che possono essere tutte accidentali o intenzionali, motivate economicamente e fraudolente”.

Il quadro internazionale

Nel contesto della crescente domanda di prodotti a base di erbe, l’offerta limitata di materie prime derivate da molte specie vegetali, alcune delle quali sono già protette a livello nazionale o internazionale e con vari gradi di restrizioni commerciali, si somma alle differenze e alle discrepanze tra quadri normativi nazionali e aumenta ulteriormente i rischi di adulterazione di molti tipi di prodotti a base di erbe. “L’adulterazione diffusa in tutto il mondo è una grave minaccia per il benessere e la sicurezza dei consumatori, nonostante i benefici per la salute dichiarati o previsti dei prodotti a base di erbe” scrivono i ricercatori.

Interazioni pericolose

I prodotti a base di erbe, infatti, contengono più di un ingrediente farmacologicamente attivo e sono spesso usati in combinazione con farmaci convenzionali. Numerose medicine a base di erbe comuni interagiscono con i farmaci, tra cui l’erba di San Giovanni, il ginkgo, lo zenzero, il ginseng, il tè verde e l’aglio e influenzano le proprietà farmacocinetiche e farmacodinamiche dei farmaci prescritti. D’altra parte, i farmaci comuni che interagiscono con le erbe medicinali includono warfarin, statine, midazolam, digossina, amitriptilina, indinavir, ciclosporina, tacrolimus e irinotecan (Awortwe et al., 2018). Oltre alle specie adulteranti, è stato segnalato che i prodotti a base di erbe contengono molti altri contaminanti e residui nocivi, come polvere, polline, insetti, roditori, parassiti, microbi, funghi, muffe, micotossine, pesticidi, PCB, metalli pesanti tossici, radioattività, impurità di lavorazione , residui di solventi, droghe illegali o da prescrizione. Gli effetti avversi più gravi riportati causati dall’adulterazione di prodotti erboristici sono stati agranulocitosi, meningite, insufficienza multiorgano, ictus perinatale, arsenico, avvelenamento da piombo o mercurio, tumori maligni o carcinomi, encefalopatia epatica, sindrome epatorenale, nefrotossicità, rabdomiolisi, metabolismo, acidosi insufficienza renale o epatica, edema cerebrale, coma, emorragia intracerebrale e morte.