Messico, il boom dell’export di avocado scatena l’appetito dei narcos

Il boom dell’avocado proveniente soprattutto dallo stato messicano del Michoacan, alimentato dall’aumento dei consumi degli Stati Uniti e dell’Europa ha sollevato parti del Messico occidentale dalla povertà in soli 10 anni. Lo racconta  Mark Stevenson in un lungo reportage per Associated press, secondo cui però “il profumo del denaro ha attirato bande e cartelli iper-violenti, che hanno aumentato la minaccia della violenza e la crescente violenza sta minacciando la nuova prosperità”.  “Alcuni coltivatori stanno prendendo le armi. Al checkpoint di San Juan Parangaricutiro, i vigilantes sono calmi ma attenti. Dicono che valga la pena lottare per il loro raccolto” scrive Ap, “Luis, un’altra guardia che ha chiesto aiuto al mondo esterno, elenca i problemi causati dal boom dell’avocado: estorsione, rapimenti, cartelli e furto di avocado”.

Le minacce agli ispettori Usa

Mentre i coltivatori di avocado messicani hanno vissuto nella paura degli assalti, la situazione è diventata di dominio internazionale quando gli ispettori del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti  sono stati minacciati a Ziracuaretiro, una città appena ad ovest di Uruapan a Michoacan. Mentre l’agenzia non ha specificato cosa è successo, le autorità locali dicono che una banda ha derubato il camion mentre gli ispettori stavano viaggiando sotto la minaccia delle armi. “In situazioni future che si traducono in una violazione della sicurezza o in una minaccia fisica imminente per il benessere del personale, sospenderemo immediatamente le attività dei programmi”, ha scritto l’USDA in una lettera, riferendosi al servizio di ispezione per la salute degli animali e delle piante.

La guerra tra cartelli

Il capo della polizia in una città del Messico occidentale, centro di produzione degli avocado, spiega com’è vivere sotto il cartello di narcotrafficanti, i cosidetti Viagras (detti così perché deriva il suo nome insolito dall’abitudine dei loro fondatori di pettinarsi con così tanto gel sui capelli che rimangono dritti): “Hanno fatto di tutto: estorsioni, pagamenti di protezione. Ci hanno sorvolato con i droni. Arrivano e vogliono installare laboratori (di droga) nei frutteti.” Ma i Viagras ora sono a loro volta cacciati dagli uomini del cartello di Jalisco New Generation, che sta cercando di trasferirsi a Michoacan, con omicidi efferati.  “Se gli imprenditori chiudessero le loro piante, l’economia della regione crollerebbe”, dichiara una coltivatrice della zona. Il Messico fornisce circa il 43% delle esportazioni mondiali, quasi tutte da Michoacan. L’Usda ha una delegazione quasi permanente di ispettori distaccati in Messico.

Il ruolo ambiguo della polizia

Purtroppo, i guai arrivano anche dalla polizia: poche settimane dopo l’incidente con gli ispettori dell’USDA, un manager di un frutteto di avvocato e un lavoratore sono stati rapiti sotto tiro a segno a Ziracuaretiro, presumibilmente dalla polizia municipale. Sette agenti sono sotto inchiesta nel caso e il dipartimento di polizia di Ziracuaretiro è stato sostanzialmente sciolto.

Le coltivazioni unica speranza per una zona depressa

Carlos Martínez è un coltivatore di avocado di terza generazione il cui boschetto di 2,5 ettari (6 acri) a Ziracuaretiro può produrre fino a 50 tonnellate di avocado in un buon anno, per un valore di circa  100mila dollari. “È una questione di criminalità che riguarda noi come terzi e i nostri clienti”, ha detto Martínez. Lui, come la maggior parte dei coltivatori, ha dovuto montare recinzioni a maglie e assumere una guardia. Ma è grande la paura del rapimento o della telefonata. “Non rispondo alle telefonate da numeri che non conosco”, ha detto Martínez.