Colesterolo e danni ai reni: così si ammalano gli uccelli che mangiano la plastica

Gli uccelli acquatici stanno diventando più piccoli, più leggeri e soffrono di una serie di problemi di salute: tutto ciò a causa dell’ingestione della plastica che “popola” gli oceani del mondo. I ricercatori dell’università della Tasmania hanno analizzato i campioni di sangue provenienti da una popolazione di falde acquifere nell’isola di Lord Howe, al largo della costa orientale dell’Australia, e hanno scoperto che gli uccelli vivevano con un elenco allarmante di problemi di salute, incluso il colesterolo alto, dopo aver ingerito i detriti di plastica. Questi uccelli hanno ali più corte e una massa corporea inferiore per non parlare dei danni alla funzionalità renale.

Quasi tutti gli uccelli marini sulla terra mangiano plastica: un recente studio del Wwf ha evidenziato pratica nello stomaco del 90% degli uccelli. Una tendenza destinata a continuare se non a peggiorare: si stima che circa 9 milioni di tonnellate galleggiano nelle acque del mondo, e la quantità si prevede cresca nei prossimi decenni.
“Il nostro studio ha scoperto che gli uccelli che ingerivano plastica avevano ridotto i livelli di calcio nel sangue, la massa corporea, la lunghezza delle ali e la lunghezza della testa e del becco”, ha dichiarato Jennifer Lavers dell’IMAS, Istituto di studi marittimi e antartici, che ha guidato la ricerca.

“La presenza di plastica ha avuto anche un impatto negativo sulla funzione renale degli uccelli, causando una maggiore concentrazione di acido urico, nonché sul loro colesterolo ed enzimi”, ha aggiunto.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Environmental Science & Technology, ha anche scoperto che qualsiasi quantità di plastica ingerita era sufficiente per causare problemi.

I nostri dati non hanno mostrato una relazione significativa tra il volume di plastica ingerita e la salute degli uccelli, suggerendo che qualsiasi ingestione di plastica è sufficiente per avere un impatto”, ha concluso la Lavers.