Dimmi quanti anni hai e ti dirò cosa mangiare

Meno zuccheri per i bambini, più latticini per le donne in età fertile e attività fisica per gli anziani. L’Anses, l’Agenzia francese per la sicurezza alimentare, ha pubblicato un parere sulle necessità nutrizionali di alcune fasce della popolazione: bambini e adolescenti, donne in età fertile e anziani. Il presupposto è che ciascun gruppo ha bisogni nutrizionali diversi che devono essere soddisfatti per evitare l’insorgere di alcune malattie. Scrive l’Agenzia “I risultati dell’indagine (svolta osservando i dati epidemiologici e quelli relativi all’assunzione nutrizionale per tre anni di seguito) sottolineano che i rischi per la salute legati alla nutrizione sono specifici per ciascuna delle popolazioni studiate e che questi rischi possono essere limitati da una dieta sana e varia”.

Da 0 a 3 anni è importante diversificare

Nel suo parere sui bambini di età compresa tra 0 e 3 anni, L’Anses sottolinea la necessità di diversificare nella proposizione degli alimenti a partire da 4 mesi:

  • Presentazione ripetuta di un alimento originariamente rifiutato;
  • Dare la giusta importanza al momento del pranzo o della cena

Da 4 a 17 anni: attenzione allo zucchero

In questa fascia d’età il pericolo numero uno è lo zucchero: il rischio è di assumerne in quantità eccessiva esche contenuto in una notevole quantità di cibi (snack, merendine) spesso consumatori come merenda. L’Anses invita le autorità pubbliche a implementare urgentemente misure per ridurre i rischi incorsi. L’agenzia attribuisce particolare importanza a due leve prioritarie: dolci e pasticcini-biscotti-torte. In effetti, questi alimenti sono ricchi di zuccheri e hanno un basso valore nutrizionale. Dovrebbero essere sostituiti con altri alimenti più preziosi come prodotti lattiero-caseari senza zucchero o altri cibi ricchi di calcio, nonché frutta e noci fresche (cioè non trasformate).L’Agenzia richiama inoltre l’attenzione sulla necessità di ridurre gli “zuccheri aggiunti” presenti in molti prodotti trasformati e sottolinea l’interesse dei preparati “fatti in casa” che rendono più facile prendere coscienza e controllare l’assunzione di zucchero.

Donne in età fertile: gli alimenti che aiutano

Nel suo parere, l’Agenzia mette in fila alcun alimenti che devono essere assunti dalle donne in età fertile: latticini, frutta e verdura e pesce. Consumare questi alimenti consente inoltre di coprire le esigenze di alcuni nutrienti essenziali per queste popolazioni come ferro, iodio, vitamina B9, vale a dire acido folico, e, per le donne che allattano solo, vitamine. A e C. L’Anses raccomanda alle donne in età fertile di mantenere il proprio equilibrio alimentare senza attendere una gravidanza al fine di garantire uno stato nutrizionale soddisfacente al concepimento compatibile con le esigenze del feto e della madre.

Attività fisica per gli anziani

L’Anses  sottolinea i benefici dell’attività fisica per garantire l’equilibrio nutrizionale degli anziani e prevenire alcune malattie legate all’invecchiamento. In considerazione della diminuzione del fabbisogno energetico con l’età, è possibile mantenere le quantità di solito consumate per coprire i fabbisogni nutrizionali aumentando leggermente l’attività fisica. Contribuisce anche alla protezione contro un gran numero di malattie non trasmissibili e, più specificamente, contro gli effetti fisiopatologici dell’invecchiamento come la sarcopenia, l’osteoporosi e il declino cognitivo. Se, tuttavia, per alcune di queste persone non è possibile aumentare l’attività fisica e ridurre i tempi di sedentarietà, si consiglia di ridurre leggermente le porzioni per determinati alimenti eccetto frutta, verdura, pesce, molluschi, crostacei e cibi amidacei per soddisfare esigenze nutrizionali.