Gran Bretagna, la protesta contro Peppa Pig che sponsorizza il cibo spazzatura

La metà dei prodotti alimentari e bevande con personaggi famosi dei cartoni animati come Peppa Pig e Paw Patrol sulla loro confezione sono ricchi di grassi, grassi saturi, zucchero e sale. E’ quanto emerge da un sondaggio realizzato da Action on Sugar, Action on Salt e Children’s Food Campaign, tre gruppi d’azione inglese, che accusano i produttori e di manipolare bambini e genitori tanto da ridurli ad acquistare alimenti poco salutari.

In particolare, la coalizione ha rilevato che il 51% degli oltre 500 prodotti alimentari e bevande valutati non soddisfano i requisiti sanitari per fare pubblicità in Tv durante i programmi per bambini o nella rete metropolitana. 

Le tre associazioni chiedono, quindi, al governo di vietare l’uso di personaggi televisivi e cinematografici per commercializzare prodotti malsani per i bambini e rendere obbligatoria l’etichettatura nutrizionale “semaforo”. Non è la prima volta che si pone una questione del genere: qualche anno fa, in Olanda, sono stati gli stessi produttori ad impegnarsi a limitare l’uso dei beniamini dei bambini sulle confezioni di alimenti “dubbi”.

Per il sondaggio inglese sono stati selezionati 526 prodotti con packaging ritenuto adatto ai bambini, dai dolci, cioccolato e snack bar alla pasta in scatola, frullati e yogurt.

Un prodotto analizzato su cinque (21%) utilizza caratteri concessi in licenza (compresi quelli di Disney, Peppa Pig e Paw Patrol) ampiamente riconosciuti dai bambini. Più di un terzo (37%) di questi sono stati trovati su pasticceria, cioccolato, torte e gelati – 32 dei 94 prodotti che utilizzano personaggi in licenza hanno un’etichetta rossa per grassi, grassi saturi, zuccheri e / o sale.

In particolare, più della metà dei prodotti (57%) con personaggi di Paw Patrol e metà di quelli con immagini di Peppa Pig sono ricchi di grassi, sale e / o zucchero. E dei 434 prodotti le cui mascotte del marchio si rivolgevano direttamente ai bambini, il 53% ha un’etichetta rossa (alta) di avvertimento per lo zucchero.

La dottoressa Kather Hashem, nutrizionista e responsabile della campagna di Action on Sugar, ha dichiarato: “È scioccante che le aziende stiano sfruttando la salute dei nostri figli usando personaggi dei cartoni animati sul loro cibo ad alto contenuto di zuccheri e bevande, in particolare su cioccolatini e dolciumi, alimenti di fronte ai quali i bambini non riescono a resistere”.