Nanoparticelle, dagli imballaggi passano nel cibo e uccidono i batteri buoni dell’intestino

La copertina dell’ultimo numero del Salvagente con le analisi su 12 alimenti e farmaci contenenti biossido di titanio

Il divieto francese alla vendita dei prodotti alimentari contenenti biossido di titanio è solo l’ultimo capitolo di un lungo dibattito sulla sicurezza degli additivi alimentari conosciuti come nanoparticelle, che sono ampiamente non regolamentate negli Stati Uniti. Al biossido di titanio abbiamo dedicato l’ultima copertina del nostro mensile ma è un argomento su cui da tempo si interroga la comunità scientifica e non solo. “Per decenni abbiamo ignorato i danni dell’amianto e del fino e stiamo facendo lo stesso con le nanotecnologie”: è il commento di Michelle Lynch, un chimico e direttore di Enabled Future Limited, una società di consulenza londinese in materia di prodotti chimici e materiali avanzati, intervistato dal quotidiano The Guardian che ha dedicato all’argomento un ampio servizio partendo dagli impieghi delle nanoparticelle.

Il biossido di silicio e quello di titanio

Gli sviluppi tecnologici degli ultimi due decenni hanno consentito di progettare le minuscole particelle molto più facilmente – e le loro proprietà insolite li rendono utili nell’industria alimentare. Sono attualmente utilizzati per modificare la consistenza, l’aspetto e il sapore di vari alimenti. Ad esempio, il biossido di silicio viene aggiunto a sali, spezie e zucchero a velo per migliorare il loro flusso. Il sale e il tè verde sono macinati in particelle di dimensioni nanometriche per aumentare il loro sapore o migliorare le loro proprietà antiossidanti. Il diossido di titanio, o TiO2, invece, appare nei dolci, nei prodotti da forno e nelle polveri del latte, spesso come agente sbiancante.

Questa serie di ingredienti, progettati su scala quasi atomica, può avere effetti indesiderati su cellule e organi, in particolare sul tratto digestivo. Ci sono anche indicazioni che le nanoparticelle possono entrare nel flusso sanguigno e accumularsi in altre parti del corpo. Sono stati collegati a infiammazione, danni al fegato e ai reni e persino danni al cuore e al cervello. In particolare, alcuni studi scientifici sui ratti hanno provato che il biossido di titanio quando ingerito si accumula nel fegato, nella milza, nei reni e nei tessuti polmonari. Tra l’altro gli effetti più acuti, si sono registrati sui ratti più giovani: questo significa che particolarmente vulnerabili sono i consumatori giovani. Questa conclusione è ancora più preoccupante dal momento che i bambini sono particolarmente esposti ad esso attraverso caramelle, gomme da masticare e dessert.

Queste sono le ragioni per cui gli scienziati – scrive The Guardian – vorrebbero la messa la bando dell’additivo soprattutto perché si tratta di una sostanza il cui unico beneficio. In assenza di un divieto, l’invito ai consumatori è a rinunciare, quando possibile.

“Se puoi evitarlo, evitalo ” suggerisce al quotidiano Sowmya Purushothaman, ricercatore in biotecnologia all’Università della California, Merced. “Non c’è motivo di usare biossido di titanio nei chewing-gum. Non è necessario renderlo più brillante per attirare i bambini. ”

Per l’industria il biossido di titanio è sicuro

Inutile dire che l’industria che lo produce e quella che lo usa ritiene sicuro il biossido di titanio. “In oltre 50 anni di utilizzo come colorante, non è stato mai dimostrato che l’assunzione dell’additivo è correlata a rischi per la salute negli esseri umani”, afferma un portavoce dell’Associazione produttori di biossido di titanio.

Uno studio del 2013 condotto da Cho Wan-Seob della Dong-A University in Corea del Sud, e colleghi, non ha riscontrato alcun accumulo significativo nei ratti quando ingerito, e invece ha suggerito che la maggior parte di essa è stata eliminata attraverso le feci.

Gli effetti delle nanoparticelle

Gli effetti delle nanoparticelle dipendono da una vasta gamma di fattori, tra cui la loro dimensione, struttura, rivestimento, dose. La dimostrazione dell’impatto sulla salute umana è difficile e il termine stesso “nanoparticella” rende difficile affrontare la sicurezza: i ricercatori che studiano l’inalazione di nanomateriali, sostengono che ancora oggi quando si verificano le concentrazioni di alcune nanoparticelle a livelli da 10 a 100 volte inferiori a quelle ritenute “sicure” dai test tossicologici tradizionali, emergono ancora molti effetti molecolari e genetici inaspettati. Dunque – sottolinea il quotidiano – l’utilizzo delle nanoparticelle nell’industria alimentare è in piena espansione, anche se la ricerca sulla salute umana è limitata. “Nano nel cibo è un campo davvero grande in questo momento. Passa da pesticidi, agenti patogeni, trasformazione del cibo a nuovi sapori o per ridurre la quantità di zucchero che è necessario aggiungere “, afferma Sonia Trigueros, dell’Università di Oxford e co-direttore dell’Oxford Martin Programme on Nanotechnology. Come dicevamo, uso delle nanoparticelle è in ascesa: nei prossimi due anni, i consumatori saranno introdotti a una nuova generazione di nanoparticelle attive, progettate per rendere biodegradabile l’imballaggio, migliorare la durata di conservazione e aiutare a prevenire lo spreco di cibo.

“Alcune nanoparticelle hanno effetti dannosi”

Una delle più recenti e complete recensioni sulla sicurezza delle nanoparticelle nel cibo, guidata da David Julian McClements dell’Università del Massachusetts, ha concluso che “ci sono prove che alcune di esse potrebbero avere effetti dannosi“. Una generale mancanza di ricerca significa che la valutazione dei potenziali effetti dannosi è difficile, ha detto, e ulteriori studi sono “urgentemente necessari”.

McClements ha sottolineato che le nanoparticelle d’argento, ampiamente utilizzate negli imballaggi come antimicrobici per mantenere freschi gli alimenti, possono penetrare negli alimenti e potenzialmente uccidere batteri buoni nell’intestino. Gli scienziati dicono che l’uso di questa tecnologia negli imballaggi alimentari è esploso negli ultimi 15 anni, ma nessuno tiene traccia di tutti i suoi usi o sa quale potrebbe essere l’esatta esposizione combinata per il consumatore medio.

L’Unione europea ha richiesto dal 2011 che tutti i nanomateriali ingegnerizzati siano chiaramente indicati nell’elenco degli ingredienti e che tutti i nuovi debbano essere sottoposti alla sicurezza prevista dal regolamento UE sui nuovi prodotti alimentari del 2015.