Antibiotici su limoni e arance: ecco perché la scelta di Trump mette a rischio anche noi

Streptomicina e ossitetraciclina. Molti di voi li avranno riconosciuti, sono antibiotici che spesso utilizziamo per la nostra salute. E che forse da qui a poco non serviranno più.
In molti pensano che questa sia la conseguenza ineluttabile delle decisioni dell’amministrazione Trump che a dicembre ha dato il via libera agli agricoltori che vogliono spruzzare antibiotici su quasi mezzo milione di ettari di agrumi della Florida. Perché mai usare farmaci per limoni e rance? Semplice: perché hanno una funzione di pesticidi e possono “curare” le piante da malattie come il mal secco.
Poco importa che scienziati e ora anche funzionari della sanità governativa abbiano ammonito contro il rischio di aumentare la resistenza agli antibiotici nelle persone e nella aria, acqua e suolo. I pesticidi antibiotici sono stati spruzzati in Florida in passato, ma mai su questa scala.

Ora, i documenti appena scoperti da Floridaphoenix.com mostrano che i ricercatori dei Centri statunitensi per il controllo delle malattie – l’agenzia federale che si occupa delle epidemie – hanno concluso due anni fa che spruzzare streptomicina e ossitetraciclina comportano la resistenza agli antibiotici nei batteri che causano gravi minacce per la salute.

La scoperta più allarmante dello studio dei Centers for Disease Control è che quando i pesticidi antibiotici vengono spruzzati sui batteri (nel suolo, nell’acqua, nell’aria e sugli alberi e i frutti), si seleziona una generazione di batteri resistenti.

Il Centers for Disease Control ha prodotto il rapporto del 2017 spiega Florida Phoenix ma l’Environmental Protection Agency degli Stati Uniti ha fornito solo un riassunto delle scoperte quando ha approvato l’irrorazione antibiotica due anni dopo.

“L’unica ragione per cui siamo a conoscenza dei risultati preoccupanti dei Centers for Disease Control è che un gruppo scientifico chiamato Center for Biological Diversity ha presentato una richiesta di Freedom of Information Act e ha ottenuto lo studio completo del 2017” raccontano i giornalisti del Florida Phoenix.

Non solo, nel riassunto dell’EPA, “hanno omesso la parte più importante della relazione, ovvero che l’esposizione alla streptomicina e all’ossitetraciclina può facilitare lo sviluppo di resistenza anche ad altri, più importanti, antibiotici”.

Quando l’EPA ha approvato l’uso esteso dei pesticidi antibiotici, gli scienziati dell’EPA non sono riusciti a nascondere qualche preoccupazione, ma alla fine hanno stabilito che i benefici economici superano i potenziali danni all’ambiente, alle persone e alla natura.

Non è chiaro quanta parte degli antibiotici finiranno nella frutta; non sono mai stato spruzzati su questa scala prima d’ora. Il governo ha fatto affidamento sull’industria agrumicola per fare i propri test e l’industria ha riportato bassi residui di antibiotici sulla frutta. Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti afferma che la quantità di esposizione agli antibiotici alle persone che mangiano frutta o bevono succhi è molto inferiore a quella a cui le persone sono esposte quando il loro medico prescrive antibiotici.

Concludono in maniera efficace i giornalisti del Florida Phoenix: “Vale la pena condurre questo esperimento così rischioso per l’ambiente e la salute pubblica? I coltivatori di agrumi direbbero di si. L’industria dei pesticidi direbbe di sì. Ma vale la pena chiedere al Dipartimento dell’Agricoltura della Florida di dare una seconda occhiata e rispondere a una domanda chiave: è un caso in cui la cura potrebbe essere peggiore della malattia?”