L’invasione globale delle microplastiche

Questo articolo pubblicato prima su The Guardian e il 10 marzo su Mother Jones, come parte della collaborazione di Climate Desk, dà esattamente il senso di quanto raccontato dal Salvagente nel numero di ottobre scorso, quando il nostro giornale si è occupato della presenza di microplastiche nell’ambiente e nella nostra alimentazione, scoprendone la presenza in tutti e 18 i soft drink analizzati. Lo riportiamo integralmente.

L’inquinamento microplastico soffoca il mondo, secondo i nuovi studi che mostrano la contaminazione di laghi e fiumi del Regno Unito, delle acque sotterranee negli Stati Uniti, lungo il fiume Yangtze in Cina e nella costa della Spagna.
È noto che gli esseri umani consumano le minuscole particelle di plastica attraverso cibo e acqua, ma i possibili effetti sulla salute sulle persone e sugli ecosistemi devono ancora essere studiati a fondo. Una ricerca, effettuata a Singapore, ha scoperto che le microplastiche possono ospitare microbi dannosi.
Le nuova analisi effettuate nel Regno Unito hanno rilevato l’inquinamento da microplastica in tutti i 10 laghi, fiumi e bacini campionati. Più di 1.000 piccoli pezzi di plastica per litro sono stati trovati nel fiume Tame, vicino a Manchester, che è stato scoperto l’anno scorso come il luogo più contaminato tra quelli testati in tutto il mondo. Anche in luoghi relativamente remoti come le cascate di Dochart e Loch Lomond in Scozia, sono stati trovati due o tre pezzi per litro.
“È sorprendente. Non mi aspettavo di trovarne tanti”, ha detto Christian Dunn alla Bangor University, in Galles, che ha guidato il lavoro. “È piuttosto deprimente che fossero presenti in alcuni dei luoghi più iconici del nostro paese. Sono sicuro che Wordsworth non sarebbe stato felice di scoprire che il suo amato Ullswater nel Lake District era inquinato dalla plastica”.
“Le microplastiche si trovano assolutamente ovunque [ma] non conosciamo i pericoli che potrebbero rappresentare. Sarà inutile guardarci indietro tra 20 anni e dire: ‘Se solo ci fossimo resi conto di quanto fosse pericoloso’. Dobbiamo monitorare le nostre acque ora e dobbiamo pensare, come paese e a livello globale, come possiamo ridurre la nostra dipendenza dalla plastica”,
Il fiume Tamigi a Londra ha mostrato circa 80 particelle microplastiche per litro, così come il fiume Cegin nel Galles del Nord. Il fiume Blackwater nell’Essex nw aveva 15. Ullswater 30 e il Llyn Cefni in Anglesey 40.
È stato dimostrato che le microplastiche danneggiano la vita marina quando vengono scambiate per cibo e sono state trovate in tutti i mammiferi marini studiati in un recente studio nel Regno Unito. Nel 2017 sono stati rivelati nelle acque di rubinetto in tutto il mondo e in ottobre nelle feci umane in Europa, Giappone e Russia.
“La microplastica è stata trovata nei nostri fiumi, nelle nostre montagne più alte e nei nostri oceani più profondi”, ha affermato Julian Kirby, un attivista di Friends of the Earth che ha contribuito a raccogliere campioni di acqua per il nuovo studio del Regno Unito. Ha esortato i parlamentari a sostenere la legislazione “per ridurre drasticamente il flusso di inquinamento plastico che sta rovinando il nostro ambiente”.
La ricerca dell’Università Nazionale di Singapore ha rilevato più di 400 tipi di batteri su 275 pezzi di microplastica raccolti dalle spiagge locali. Includevano microrganismi che causano gastroenteriti e infezioni nelle ferite negli esseri umani, così come quelli legati allo sbiancamento delle barriere coralline.
Definite come le particelle inferiori a 5 mm, le microplastiche sono state trovate sottoterra in falde acquifere calcaree in Illinois, Usa, con una cocentrazione di 15 particelle per litro. Questo tipo di fonte idrica sotterranea fornisce circa un quarto dell’acqua potabile mondiale.
Altri studi recenti hanno trovato microplastiche in creature viventi delle profondità marine e sedimenti prelevati dal Mare del Nord e dal Mare di Barents. Alte concentrazioni sono state trovate anche nella parte media e bassa del fiume Yangtze e lungo la costa mediterranea della Spagna.
Le microplastiche vengono smaltite con indumenti sintetici, pneumatici per veicoli e la fuoriuscita di pellet di plastica utilizzati dai produttori. Anche la distruzione fisica dei rifiuti di plastica li crea. La pioggia li lava nei fiumi e nel mare, ma possono anche essere soffiati dal vento e finire nei campi quando i rifiuti trattati delle acque reflue vengono usati come fertilizzanti.
Kirsten Thompson dell’Università di Exeter, che sta lavorando con Greenpeace in un sondaggio sulle microplastiche nei maggiori fiumi del Regno Unito, ha dichiarato: “Speriamo che la nostra ricerca possa aiutare a scoprire esattamente da dove proviene questa plastica e quale impatto potrebbe avere”.