Glifosato, test francese lo trova nei Tampax e in due assorbenti bio

Cosa hanno in comune Tampax, Natracare, NaNa e Jho? Oltre ad essere degli assorbenti femminili, la presenza di glifosato o del suo metabolita ampa. È quanto rivelano i risultati di un test appena pubblicato in Francia dal mensile 60 Millions des Consommateurs (edito dall’Istituto francese del consumo) che ha portato in analisi 15 tamponi alla ricerca di glifosato (considerato probabile cancerogeno dalla Iarc-Oms), ftalati, diossine e Ipa (Idrocarburicarburi policiclici aromatici).

Il glifosato non risparmia il bio

Non è la prima volta che in Francia i tamponi femminili e la loro contaminazione facciano scandalo. A far discutere molto è la presenza del famigerato glifosato molto usato nella coltura del cotone, rintracciato anche in prodotti bio dove forse la contaminazione può anche essere accidentale. Il livello più alto è stato riscontrato nei NaNa Ultra normal Plus Natural Care (marchio in vendita anche in Italia) e nei Natracare Cotton Tampons (anche in questo caso reperibili nel nostro paese anche tramite Amazon e in alcuni shop bio). Positivi al glifosato e/o al suo metabolita (la sostanza che si crea con il decadimento della sostanza d’origine) Tampax Perl compak e i Jho Tampons coton biologique. Procter & Gamble, leader di mercato con i suoi marchi Always e Tampax, ha espresso ai colleghi francesi sorpresa e ha spiegato che non ho mai rilevato ampa nei suoi Tampax.

Ftalati e diossine: in 5 non convincono

Non meno preoccupanti sono i risultati sono i risultati sulla presenza di ftalati considerati, alla stregua del glifosato, interferenti endocrini capaci cioè di alterare la normale funzione ormanale. La loro presenza è stata rilevata nei Siempre Serviettes hygiéniques avec ailettes, Always Sensitive, Vania Maxi confort, Saforelle Serviettes hygiéniques coton protect. Notizie positive infine sugli Ipa, assenti nei 15 campioni analizzati, mentre tracce di diossina sono state riscontrate in due prodotti: Saforelle e Jho.