Gruppi WhatsApp, arriva il filtro per bloccare l’iscrizione a tradimento

L’incubo delle chat di gruppo su WhatsApp in cui si viene inseriti a tradimento potrebbe essere prossimo alla fine. L’azienda ha infatti reso noto che è già disponibile in versione “beta” (termine tecnico per indicare una fase di sperimentazione), una funzione che permette di controllare se si desidera essere iscritti automaticamente ai gruppi oppure no. Il filtro, compatibile sia per sistema operativo iOs (Apple) che per Android, potrebbe presto essere rilasciata per tutti i possessori di whatsapp.

I gruppi di questo popolare social sono diventati una spiacevole scocciatura, perché anche se anti per scopi utili, come coordinare i genitori dei bambini che frequentano la stessa scuola, diventano in poco tempo una giungla di comunicazioni inutili espressa con una raffica estenuante di notifiche.

La nuova funzione di WhatsApp si attiverà dalle impostazioni sulle privacy. Potremo scegliere di dare il via libera all’iscrizione in un gruppo richiesta da chiunque, come ora, permetterlo solo a chi è inserito nella nostra lista contatti abilitati o non consentirlo a nessuno. Nei casi in cui l’iscrizione gratuita non sarà permessa, ci arriverà una richiesta che rimarrò in sospeso per 72 ore, a meno che non risponderemo prima. Superata questa finestra di tempo, l’invito risulterò scaduto.