Farmaci anti-reflusso, allarme prescrizioni facili. I rischi per la salute

I medici prescrivono con troppa facilità i farmaci anti-reflusso? È quanto sostiene il portale dei consumatori francesi Que Choisir, sulla base di un recente studio dell’Agenzia nazionale per la sicurezza dei medicinali (Ansm). Omeprazolo, pantoprazolo, lansoprazolo, esomeprazolo, rabeprazolo: gli inibitori di pompa protonica (Ipp) sono il miglior trattamento contro la malattia da reflusso gastroesofageo. Solo in Francia quasi 16 milioni di persone hanno usato questi farmaci antireflusso nel 2015, un quarto della popolazione francese, e i numeri sono simili in Italia. Questa cifra è in crescita dal 2010, nonostante le rigide condizioni di prescrizione. La ragione, secondo l’Ansm è che queste raccomandazioni non sono sempre rispettate dai medici prescrittori.

Numeri preoccupanti

L’uso di tali molecole dovrebbe essere limitato ad alcune situazioni: il trattamento del reflusso e dell’ulcera, naturalmente, ma anche lesioni gastriche causati da alcuni farmaci (non steroidei anti-infiammatori farmaci, corticosteroidi, ecc .). Solo nelle persone a rischio possono essere utilizzati anche per prevenire queste stesse lesioni. È su quest’ultimo punto che sono stati osservati abusi, secondo il report. In un trattamento su due, I farmaci anti-reflusso ipp sono stati prescritti contro le lesioni gastriche causate da farmaci anti-infiammatori non steroidei (Fans come ketoprofene, diclofenac, ibuprofene, ecc).  “Data la frequenza osservata di iniziazione concomitante di Ipp e Fans (oltre il 90%), probabilmente nella maggior parte dei casi si trattava di trattamento preventivo piuttosto che curativo” commenta l’ANSM nel suo rapporto.

Dubbi a lungo termine

Scrive Que Choisir: “Questa precauzione è eccessiva perché, nella maggior parte dei casi (80%), il paziente non presenta fattori di rischio. Perché la prescrizione sia giustificata, l’uso di farmaci anti-infiammatori non steroidei dovrebbe essere progettato per: una persona sopra i 65 anni (più a rischio di danno gastroduodenale); una persona con una storia di ulcera peptica, una persona che riceve un antiaggregante piastrinico, un anticoagulante o un corticosteroide (la cui associazione con il Fans aumenta il rischio di lesioni). Questo uso è quindi troppo frivolo, soprattutto quando sappiamo che l’arresto degli Ipp è accompagnato da un effetto temporaneo di rimbalzo: per un certo periodo, il reflusso peggiora prima di tornare al livello base”.

Il pericolo dell’uso a lungo termine

La durata media del trattamento con Ipp è di 41 giorni, ma tende ad aumentare con l’età. Secondo le indicazioni, la durata del trattamento può arrivare fino a 133 giorni in media. Ma negli ultimi anni sono emersi dubbi sulla sicurezza a lungo termine di questi farmaci antireflusso. Il loro uso prolungato è associato a infezioni digestive o persino a malattie renali. Sono state rilevate anche delle interazioni farmacologiche, come la diminuzione dell’assorbimento di alcuni trattamenti (levotiroxina, ketoconazolo, atazanavir, enoxacina, ecc) e l’aumento di quello di altri (nifedipina, digossina, alendronato).

Come proteggere lo stomaco

Se necessaria, l’assunzione di Ipp può essere discussa con il medico. Altrimenti, si consiglia vivamente di prendere il Fans durante un pasto. Molti farmaci anti-infiammatori non steroidei (Fans) possono causare disturbi digestivi, dal bruciore di stomaco all’ulcera al sanguinamento. Fortunatamente, non avvengono automaticamente.