Mal di testa, nausea, insonnia… gli alimenti che possono davvero dare sollievo

Sostituire (almeno qualche volta) l’armadietto dei medicinali con il frigorifero. È il sogno di molti di noi, alimentato troppe volte da campagne di marketing che promuovono singoli prodotti come superfood. Difficile orientarsi, a meno di poter contare su un’informazione indipendente e senza conflitti di interesse.

Il libro edito dal Salvagente che fa il punto delle conoscenze su molti degli alimenti che portiamo in tavola. Lo trovate nel nostro shop

Il Salvagente cerca costantemente di attingere a questo tipo di dati e ricerche per questo scopo. Lo ha fatto, per esempio, nelle schede che trovate ne “Il piatto naturale” il libro che i nostri abbonati trovano nel nostro negozio al prezzo promozionale di 10 euro e che si può ottenere in regalo con una delle nuove formule di abbonamento al giornale.

Ma vale la pena continuare ad aggiornare le nostre fonti. Lo facciamo, questa volta, con un servizio appena pubblicato da Consumer Reports, organo di informazione della più rappresentativa associazione dei consumatori nordamericani, non certo incline a promuovere le campagne di marketing, anche quelle alimentari.

 
Curare il mal di testa? Semplice come bere un bicchier d’acqua

Se si soffre di mal di testa frequentemente o solo occasionalmente, “la prima cosa da fare è bere un bicchiere d’acqua o due“, dice a Janet Lee Robin Foroutan, nutrizionista a New York City e portavoce per Accademia di nutrizione e dietetica. “La disidratazione è una causa comune di mal di testa, quindi l’acqua può affrontare il dolore immediatamente”.

Fare uno spuntino con una combinazione di carboidrati, proteine e grassi salubri può anche aiutare perché previene i cali di zucchero nel sangue, che possono scatenare il mal di testa, aggiunge Foroutan. Per un buono spuntino combinato, l’alimentarista intende per esempio una mela con una manciata di noci.
Fate i conti con l’astinenza da caffeina, spiega il medico, se avete diminuito drasticamente la dose di caffè o thè negli ultimi giorni, questo potrebbe essere uno dei motivi del vostro mal di testa. Inoltre, i vasi sanguigni possono allargarsi durante il mal di testa e la caffeina può costringerli, quindi il caffè o il tè potrebbero offrire qualche sollievo, dice la National Headache Foundation.
In alcune persone, però, la caffeina può scatenare il mal di testa, quindi attenzione a non esagerare. E gli alimenti comunemente accusati di provocare cefalee, come formaggi stagionati, salumi, cioccolato, dolcificanti artificiali, glutammato monosodico e soia? Sono da biasimare molto meno spesso di quanto si possa pensare assicura Mark W. Green, direttore del Centro di cefalea e dolore e professore di neurologia presso la Icahn School of Medicina al Monte Sinai a New York City. “L’alcol è l’unica eccezione; è più probabile che causi un mal di testa rispetto ad altri alimenti, specialmente se è fortemente fermentato, come il vino rosso”. In ogni caso tenere un diario alimentare può aiutare a individuare i colpevoli.

Il rimedio contro la nausea

Lo zenzero è stato ampiamente studiato come potenziale rimedio per la nausea, soprattutto durante la chemioterapia e la gravidanza. Una review scientifica del 2016, pubblicata sulla rivista Integrative Medicine Insights, lo ha trovato efficace e sicuro. Sembra aiutare velocizzando il transito del cibo dallo stomaco e probabilmente spegnendo i neurotrasmettitori come la serotonina che può contribuire alla nausea.

Per chi soffre di nausee, William Chey, gastroenterologo e professore di medicina e nutrizione presso l’Università del Michigan, raccomanda pasti piccoli e frequenti ricchi di proteine, specialmente pollo e pesce e proteine vegetali. “La carne rossa è difficile da digerire”, dice Chey. “Ci sono altre proteine che sembrano muoversi attraverso lo stomaco più rapidamente e che non provocano le stesse sensazioni gastriche dei grassi “.

Due kiwi contro l’insonnia

Alcune persone suggeriscono di sorseggiare latte caldo per l’insonnia perché contiene triptofano, un amminoacido convertito in serotonina, che rilasserà e la melatonina, che promuove il sonno. Ma gli studi non lo hanno dimostrato.
“Potrebbe aiutare alcune persone perché è un rituale calmante, non a causa del triptofano”, spiega Foroutan.
Si può anche provare a fare spuntini con due kiwi un’ora prima di andare a dormire. Una revisione del 2016 degli studi pubblicati su Advances in Nutrition ha concluso che il frutto può favorire il sonno perché è una ricca fonte di folati, una vitamina B che può aiutare il cervello a produrre sostanze chimiche che inducono il sonno.