Se un mese dopo il ministero si accorge del richiamo dei profilattici Durex

I dipendenti del ministero della Salute sono rientrati dalle ferie. Il periodo di riposo (meritato, ovviamente) è durato almeno un mese: a tanto, infatti, ammonta il ritardo con cui sulle pagine dedicate è apparso il richiamo dal mercato di tre lotti di preservativi Durex.  La comunicazione ufficiale dell’azienda è datata 26 luglio 2018 (continua dopo l’immagine)

Il Salvagente ne ha dato notizia attraverso la sua pagina web il 31 luglio 2018 (continua dopo l’immagine)

E il ministero che fa? Aspetta oltre un mese per annunciare ufficialmente il richiamo dal mercato (continua dopo l’immagine)

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente

“Meglio tardi che mai”, direte voi. Sì, d’accordo, ma è lecito chiedersi a che serva comunicare ai cittadini un richiamo di un prodotto con così tanto ritardo dalla comunicazione data dall’azienda. Tra l’altro il richiamo si è reso necessario neanche per un motivo di poco conto: i preservativi – è il rischio – possono scoppiare. E addio a tutte le campagne di informazione e sensibilizzazione al sesso sicuro di cui anche il ministero della Salute si fa spesso portavoce.