Neonicotinoidi, Greenpeace attacca: “Le deroghe di Efsa, scorciatoia per aggirare lo stop”

Greenpeace lancia un duro attacco all’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA), accusata di concedere con manica troppo larga le autorizzazioni di emergenza ai paesi membri dell’UE per i neonicotinoidi, il cui utilizzo è stato recentemente vietato perché letale per le api. Come riporta Euractiv, la Ong sostiene che alcuni stati membri stanno usando la richiesta di “emergenza” per aggirare il divieto, mentre l’Efsa ritiene “fuorviante” mescolare le autorizzazioni di emergenza con la decisione di un divieto totale. La Commissione aveva deciso il 27 aprile di imporre un divieto totale, in seguito ad un rapporto dell’Efsa, che ha rilevato che la maggior parte degli usi di pesticidi neonicotinoidi (Bayian’s clothianidin e imidacloprid e Syngenta’s thiamethoxam) rappresentano un rischio per le api selvatiche e le api mellifere.

L’accusa

Greenpeace e altre Ong puntano il dito sulle scorciatoie: “La Commissione Juncker vuole essere vista come amica delle api  – dichiara il consulente per la politica alimentare di Greenpeace, Franziska Achterberg – Ma i divieti di pesticidi per uccidere le api non sono molto utili se i governi nazionali sono autorizzati a distribuire le eccezioni, volenti o nolenti “. Achterberg ha aggiunto che le autorizzazioni di emergenza dovrebbero essere concesse solo in circostanze eccezionali e “non permettere agli agricoltori di continuare semplicemente l’uso di sostanze chimiche pericolose che l’UE ha bandito per buoni motivi”. Le Ong hanno inviato lettere all’esecutivo dell’UE e all’Efsa, criticando le relazioni dell’Agenzia sulle autorizzazioni di emergenza come di “scarsa qualità”. Nello specifico sarebbero stati trascurati tutti i metodi non chimici di controllo dei parassiti, indipendentemente dalla loro fattibilità, efficacia e tasso di applicazione (dichiarati), così come tutti i metodi chimici diversi dai neonicotinoidi: l’uso di altri insetticidi, come i piretroidi, per esempio, non è stato preso in considerazione. Euractiv aggiunge che “le Ong ora vogliono che la Commissione europea chieda all’Efsa di riconsiderare le sue relazioni e coinvolgere esperti esterni per “tenere in debito conto i metodi non chimici di controllo degli infestanti”, e hanno accusato l’Agenzia di non avare le competenze necessarie per la valutazione”.

La risposta di Euroactiv

Contattato da Euractiv, un portavoce dell’Efsa ha affermato che è “strano” che per alcuni critici la scienza dell’Efsa sui pesticidi sia buona un giorno e mediocre quello successiva. “Tutte le valutazioni scientifiche dell’Efsa – ha affermato il funzionario – si basano su una valutazione approfondita dei dati disponibili utilizzando metodologie scientifiche trasparenti”, pubblicate nell’aprile 2017 “con largo anticipo rispetto ai risultati che ora vengono criticati “. “L’Efsa ha confermato che i neonicotinoidi pongono rischi per le api nel suo parere pubblicato nel febbraio 2018. Qualsiasi tentativo di collegare tale parere alle relazioni di deroghe di emergenza pubblicate di recente è fuorviante perché l’ambito delle valutazioni scientifiche è diverso”, ha aggiunto il portavoce, cui ha fatto eco il direttore esecutivo dell’Efsa Bernhard Url: “A seconda del risultato, siamo visti come gli eroi della scienza o ritenuti incompetenti. Questo tipo di cherry-picking non mi sembra molto convincente “.