Olio di palma senza deforestazione, lo studio: “Promessa impossibile da verificare”

L’olio di palma “senza deforestazione” esiste? Solo sulla carta, secondo gli esperti dell’Imperial college di Londra, che hanno pubblicato uno studio in cui mettono in luce la differenza tra i claim e la realtà. Come riporta Foodnavigator, “gli impegni unilaterali di assenza di deforestazione delle aziende e le dichiarazioni analoghe non sono adeguati alla complessa catena di approvvigionamento dell’olio di palma e, quindi, potrebbero fallire. La crescente consapevolezza dell’opinione pubblica riguardo all’enorme problema ambientale legato al disboscamento delle foreste tropicali per l’impianto di Palme da olio, ha spinto i produttori a cercare olio di palma sostenibile e pubblicizzarlo come “senza deforestazione”. Al fine di comprendere le complessità del settore delle palme, i ricercatori hanno messo in discussione una serie di attori nella catena di fornitura che servono i mercati europei: coltivatori, grandi catene integrate di approvvigionamento (LISCC), trasformatori, fornitori di ingredienti, produttori di beni di consumo e dettaglianti.

Pessimismo tra i produttori

Secondo i coltivatori interpellati, “nessuna deforestazione” fosse un termine di marketing che aveva poco senso nella pratica, mentre tra i produttori, alcuni ritenevano che eliminare la deforestazione potesse essere irraggiungibile mentre altri erano ottimisti: “nessuna deforestazione significa nessuna deforestazione”. Le interviste hanno anche rivelato conflitti all’interno delle aziende. Un produttore ha affermato che i suoi clienti al dettaglio spesso non hanno rispettato i loro impegni perché i team commerciali hanno ignorato le politiche di approvvigionamento sostenibile.

Il problema della definizione di deforestazione

Secondo alcune stime, circa il 96% della produzione mondiale di olio di palma è coperto da una qualche forma di impegno di non deforestazione. “Questi impegni, tuttavia, – scrive FoodNavigator – nascondono una mancanza di consenso su alcuni importanti elementi fondamentali: cos’è una foresta e cos’è la deforestazione?”. In base ai principi e ai criteri (P & C) della tavola rotonda sull’olio di palma sostenibile (RSPO), le foreste primarie e altre aree identificate come ad alto valore di conservazione sono protette e non possono essere bonificate. Tuttavia, gli autori osservano che la maggior parte della foresta rimasta in Indonesia e Malesia – paesi che insieme producono circa l’85% dell’olio di palma del mondo – è classificata come secondaria, selettivamente registrata o degradata. Sebbene queste foreste possano ancora avere un importante valore di biodiversità, le attuali regole RSPO consentono loro di essere autorizzate per le piantagioni di palme. Ciò significa che un barattolo di burro di arachidi prodotto con olio certificato RSPO non significa necessariamente “deforestation free”. RSPO sta attualmente riesaminando e potrebbe ampliare la definizione di deforestazione.

Consigli per invertire la rotta

Un operatore della catena di approvvigionamento ha affermato: “Acquistando da altri stabilimenti, è difficile imporre loro i nostri standard, perché hanno anche la libertà di scegliere se vorrebbero venderli o vendere ai nostri concorrenti … I mulini di terzi non sono un’entità alla quale possiamo dare istruzioni, che possiamo dire loro cosa fare. Dobbiamo parlare con loro come partner commerciali”. Gli autori scrivono: “Senza un’efficace collaborazione tra le aziende – sia orizzontalmente all’interno dei livelli della filiera (ad esempio un’azione collettiva per influenzare i fornitori) che verticalmente tra livelli (ad esempio iniziative integrate) – l’eliminazione della deforestazione non può essere garantita”. Oltre a questo e ad una definizione concordata di deforestazione, tuttavia, sono necessari altri elementi: miglioramento della regolamentazione governativa e aumento della domanda di olio di palma sostenibile in Cina e India.