Poste, aumenti in vista per pacchi e raccomandate (+18%)

Aumenti in arrivo per chi vuol spedire lettere e pacchi: dal 3 luglio Poste Italiane “rimodula” all’insù molte tariffe dei servizi di speidizione. Per inviare lettere o plichi in base alla tariffa di posta ordinaria (posta 4) sarà necessario pagare un po’ di più in molti scaglioni di peso (anche se alcune tipologie saranno invece ridotte); una lettera o una cartolina (fino a 20 grammi) costeranno 1,10 euro invece degli attuali 95 centesimi. Spedire una lettera all’estero nel primo scaglione di peso e nell’area europea e mediterranea costerà 1,15 euro invece di un euro. Le tariffe della Posta Raccomandata interna saranno incrementate in tutti gli scaglioni di peso: ad esempio, la tariffa per gli invii fino a 20 grammi varierà da 5,00 euro a 5,40 euro.

Saranno incrementate anche le tariffe delle comunicazioni connesse alle notifiche degli Atti Giudiziari. Rincareranno inoltre le tariffe della posta assicurata interna: in particolare, la tariffa per gli invii di valore fino a 50 euro e di peso fino a 20 grammi varierà da 5,80 euro a 6,20 euro. Per quanto riguarda i pacchi, infine, ecco quanto previsto dalla manovra: la struttura degli scaglioni di peso del Pacco Ordinario Nazionale passerà dagli attuali due (0-10 kg; 10-20 Kg) a tre (0-5 kg; 5-10 Kg; 10-20 Kg). Le tariffe saranno rimodulate nella seguente modalità: 0-5 Kg = 9,00 euro;  5-10 Kg = 11,00 euro; 10-20 Kg = 15,00 euro.