L’sms a pagamento che parte in automatico per attivare i servizi Apple

Un sms che parte verso un numero internazionale in automatico e sottrae 15 centesimi ogni volta. Senza trovare il modo di interromperlo. Sembra una storia assurda ma è quella che è capitata al signor Giorgio Rinaldi da Bologna, e a quanto sembra verificando in rete, a molte altre persone. Il caso riguarda i servizi Facetime (videochiamata) e iMessage (messaggistica) della Apple. A raccontarci il meccanismo succhiasoldi è lo stesso Rinaldi che si è stato ospite anche a Mi manda Raitre per raccontare la sua storia.

La storia di Giorgio

“Ho inserito la mia sim Wind nel vecchio iPhone di mia figlia e dopo un po’, controllando i costi sull’applicazione dell’azienda mi sono accorto che erano segnati diversi sms inviati a un numero straniero iniziante per 0044, a un costo di 15 centesimi l’uno. Messaggi che io non ho mai mandato, oltretutto inviati a orari assurdi”.  Il signor Rinaldi si attacca al telefono e chiama per prima cosa Wind, ma l’operatore risponde che il problema riguarda la Apple e che loro non possono far nulla per bloccare l’invio dei messaggi. Da Apple, invece, rispondono che la questione va affrontata con l’operatore che dovrebbe bloccare l’invio dei messaggi. Il malcapitato scarica persino una app per bloccare gli sms internazionali, ma non riesce a firmare gli invii. “Finirà che cambio telefono”, ci dice sconsolato.

Ma sono in tanti a lamentarsi

Il caso del signor Rinaldi, però, non è isolato. Basta farsi un giro nei forum degli utenti dei vari operatori, per farsi un’idea: “Ogni volta che riavvio il telefono mi viene richiesto di attivare iMessage (anche se l’ho disattivato) e se premo OK invia la richiesta scalandomi i 0,20€ per l’sms internazionale”, scrive nel forum Fastweb, l’utente Dicoluc. Nel forum dei clienti Tim, invece,  Ahryn si lamenta: “Salve, sono passata in Tim oggi e già mi ritrovo 1 euro addebitati per sms internazionali (che io non ho mai mandato) e l’operatrice al telefono mi dice che sono aggiornamenti Apple che fa il mio iPhone e che per questo motivo devo chiamare Apple… Ho sempre avuto iPhone e con i precedenti operatori non pagavo gli aggiornamenti Apple. Ma è uno scherzo?? Mi costerebbe 0,49€ ogni volta che l’iPhone cerca aggiornamenti? Ma in un mese quanto mi costa??”. Rincara la dose Elly: “Anch’io ho un problema simile. Dopo il passaggio a Tim ho inserito la SIM nell’iPhone e mi sono stati addebitati 2 sms. Il giorno dopo addebito di 5 sms e il giorno dopo ancora dopo il primo addebito ho disattivato iMessage, mms e FaceTime”.

Molti dubbi, poche risposte

Il problema potrebbe essere dovuto al fatto che ogni volta che si cambia la sim nel telefono, il software lancia l’sms internazionale al server di Apple che si trova all’estero per attivare i due servizi, ma in alcuni casi, per un problema tecnico, non riesce mai a portare a termine l’operazione e quindi riprova all’infinito. Se dovesse capitare, il suggerimento è quello di andare tra le applicazione del proprio iPhone e disattivare iMessage e Facetime, sperando che basti. Restano però delle domande: perché Apple non cambia metodo di attivazione del servizio, imitando tante altre compagnie che utilizzano un sistema che fa a meno di invii di sms internazionali? Perché gli operatori che ricavano almeno una parte del costo dell’sms, non disattivano su richiesta del cliente gli invii al numero in questione? Una risposta da parte dei diretti interessati sarebbe molto gradita da chi si è sentito beffato.