Gomme invernali, il 15 novembre c’è il pit stop. Come scegliere le migliori

Dal 15 novembre scatta l’obbligo di montare pneumatici invernali (o di avere le catene a bordo) qualora si percorrano determinate strade o quando le condizioni meteorologiche lo rendano necessario. L’obbligo di montare le gomme da neve, o tenere le catene a bordo, non scatta in tutta Italia e su tutte le strade. Negli ultimi anni l’obbligo ha riguardato più della metà delle province italiane e la sanzione varia in base al tipo di strada su cui è commessa l’infrazione: in un centro abitato è prevista una multa minima di 41 euro, mentre fuori da centri abitati si parte da 84 euro. In autostrada si va da 80 a 318 euro, con la decurtazione di 3 punti dalla patente.

Il Tcs premia la migliore

Come scegliere la gomma “termica” migliore? Anche quest’anno il Tcs, il Touring club svizzero, ha provato 32 modelli per due “taglie” di ruota, 195/65 e 215/65. Gli esperti hanno messo alla prova le gomme in diverse situazioni: l’esame che ha pesato di più sul giudizio finale (30%) è quello sul bagnato, seguito da quello sulla neve (20%) e dal test sull’asciutto (15%). Meno decisive le performances nelle altre prove.

Nel giornale in edicola, trovate i risultati relativi a 8 modelli in vendita anche nel nostro paese scelti tra quelli della categoria 195/65. Si tratta di pneumatici utilizzati su diverse utilitarie, ma anche su compatte, berline e monovolumi.
Montano queste gomme, tanto per fare due esempi, la Citroën C4 e la Fiat Tipo.

Acquista qui il nuovo numero con il test su 8 modelli di pneumatici invernali

Vittoria in solitaria

Il Continental Winter Contact non ha mostrato punti di debolezza: è un pneumatico molto performante sul bagnato. Sei modelli, invece, presentano leggere lacune e per questo ricevono il “consigliato”. Il Dunlop Winter Response 2 ha leggere difficoltà sul fondo asciutto (e per questo ha subito un declassamento) e il Goodyear UltraGrip sulla neve.
Gli altri 4 pneumatici hanno fatto registrare piccoli difetti in almeno due prove. Un solo pneumatico si aggiudica la valutazione di “consigliato con riserva” a causa delle carenze sulla superficie asciutta e nell’usura. Tutti i risultati nel in edicola.