“Ho perso 17 kg in un mese”: le storie degli agricoltori vittime del glifosato

“Avevo dolori fortissimi alla schiena che mi impedivano di dormire, ho perso 17 chili in quattro settimane”. Marc Laloux è un agricoltore francese di 79 anni che per oltre 30 anni ha utilizzato il glifosato nei suoi campi. A raccontare la sua storia è Franceinfo che in un video ha narrato passo dopo passo i sintomi che poi hanno portato alla diagnosi più brutta: linfoma. (continua dopo il video)


Du Glyphosate au cancer²

Mentre la Commissione europea ha deciso, mercoledì scorso, di rinviare il voto sulla ri-autorizzazione di glifosato, Franceinfo si unisce al coro di coloro che non perdono occasione per denunciare i pericoli dell’erbicida più utilizzato al mondo. L’associazione francese Generation futures ha messo insieme numerose testimonianze delle vittime di questo erbicida e di altri pesticidi.

Marc Laloux  non è il solo ad aver subito i danni del glifosato. Armel Richomme, 62 anni, vive senza la sua milza dal 2013. Il suo tumore è stato riconosciuto come una malattia professionale. “Sono arrabbiato perché abbiamo avvelenato mio marito” risponde Brigitte Richomme. “E se permettiamo di utilizzare ancora il glifosato, continueremo a farlo“.

Elise Aucouturier, 34 anni, ha visto il suo papà morire per un tumore: “L’impatto economico del glifosato è più importante della salute” si rammarica concludendo: “Per papà, è stato molto difficile accettare di essersi ammalato a causa del suo lavoro” – ricorda Elise Aucouturier  – “Per un contadino, il suo lavoro è la sua vita”.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021

intanto questa sera la trasmissione tv Report dedicherà un’inchiesta proprio all’erbicida più utilizzato al mondo. Partendo dalle nostre analisi di qualche anno fa su pasta e prodotti a base di farina, ha portato nuovamente in laboratorio 6 marchi di pasta. I risultati non sono ancora noti ma Italmopa ha già annunciato una battaglia a suon di tweet.