Geox: nelle nostre scarpe nessuna sostanza tossica, neppure in traccia

Egregio direttore,

ringraziamo la vostra testata per l’intento di sensibilizzare i consumatori verso la buona qualità e sicurezza dei prodotti, promuovendo una maggiore attenzione e coscienza sociale verso la salute, sostenibilità e ambiente.

Geoz persegue da sempre l’obiettivo di garantire il massimo comfort, traspirabilità e sicurezza dei propri prodotti e, a tal fine, sta collaborando dal 2011 con TUV SUD Gmbh, operatore leader al mondo nella testificazione e certificazione dei prodotti.

Questa collaborazione fa parte di un più ampio progetto di controllo della filiera produttiva, dalla scelta dei materiali al prodotto finito:

  1. Il nostro processo produttivo si basa su un sistema di procedure e regole che garantiscono non solo la conformità all’assetto normativo europeo, ma a un più stringente protocollo sulle sostanze tossiche;
  2. Richiediamo alle concerie di garantire l’assoluta conformità dei pellami e materiali e alle fabbriche produttrici la piena conformità delle calzature al protocollo, pena l’immediata cessazione del rapporto di fornitura;
  3. TUV SUD Gmbh esegue test chimici sia sui pellami e materiali, sia sul prodotto finito prima e durante il ciclo produttivo, tramite la propria rete di laboratori nel mondo;
  4. Inviamo periodicamente ispettori per verificare che le fabbriche produttrici rispettino tutti i requisiti di qualità e sicurezza dei nostri protocolli, inclusi i requisiti chimici:
  5. Il nostro dipartimento Controllo Qualità opera a due livelli: a) attraverso controlli continuativi su ogni fase produttiva presso le fabbriche produttrici nel mondo, verificando che venga applicato il protocollo e b) attraverso il controllo a campione sui prodotti finiti presso la nostra sede.

Abbiamo preso visione dell’articolo pubblicato sul Salvagente di ottobre, dal titolo Scarpe per bambini non fate passi falsi, che riprende l’articolo pubblicato sulla rivista Konsument e che cita un nostro prodotto, J New Joker J72G2A della collezione Primavera Estate 2017.

Innanzitutto precisiamo che i prodotti della collezione bambino e junior Primavera Estate 2017 sono certificati secondo il protocollo TUV SUD Footweare Mark che applica criteri più stringenti rispetto a quelli stabilit nella normativa europea; potete trovare informazioni al riguardo in questa pagina web.

L’articolo su Konsument dà un’ottima valutazione a Geox sal punto di vista qualitativo e ortopedico, ma riporta la presenza di DMF nel campione testato. Vi informiamo che i test TUV effettuati sulle calzature New Joker J72G2A, che alleghiamo, non ne hanno tracciato la presenza.

Abbiamo pertanto provveduto a richiedere a Konsument evidenza dei test condotti ma a oggi non ci è pervenuto riscontro.

L’articolo su Konsument riporta, inoltre, una valutazione “sehr gut”, molto buona, sulla presenza di Como VI nel modello Geox, mentre la vostra rivista comunica al pubblico che da Konsument sono state rilevate tracce di Cromo VI.

Il Cromo VI è cancerogeno e la notizia apparsa nella vostra rivista sta avendo una notevole risonanza nel nostro pubblico di consumatori.

Nei test allegati potete verificare la totale assenza di Cromo VI; inoltre ci teniamo a precisare che le nostre calzature vengono testate per la presenza di Cromo VI dopo invecchiamento, in quanto si vuole verificare non solo la conformità al momento del test, ma anche durante il ciclo di vita del prodotto: il Cromo VI, infatti, potenzialmente potrebbe svilupparsi per ossidazione del Cromo III utilizzato in fase di concia e, volendo noi garantire la massima sicurezza del prodotto, abbiamo implementato questo protocollo aggiuntivo.

Nel paragrafo “Nessuno standard di qualità”, riportate la totale assenza di informazioni sui componenti chimici dei prodotti, facendo intendere che si riferisca a tutte le calzature citate; affermazione inesatta poiché le calzature nella scatola originale erano accompagnate da un cartellino che indicava che il prodotto è certificato TUV SUD Gmbh secondo il protocollo Footwear Mark, scaricabile dalla pagina web citata

Pierluigi Ferro

General Counsel Geox Spa

 

Correggiamo il nostro errore – che c’è stato e del quale ci scusiamo con la Geox e con i lettori –  nella parte dell’articolo in cui accennavamo al Cromo VI. È vero, nessuna traccia è stata trovata dagli austriaci di Konsument.

Quanto al resto, rincuora sapere che le analisi dell’azienda non abbiano riscontrato il DMF che i laboratori austriaci avevano messo in evidenza.