Qualità dell’aria: l’Europa colpevole di ignorare la nostra salute

Le organizzazioni che rappresentano i pazienti di asma hanno invitato i governi Ue a rispettare i loro impegni in fatto di qualità dell’aria per proteggere la salute dei cittadini e i bilanci pubblici.
In occasione del World Asma Day (il 2 maggio scorso), i pazienti di asma hanno sottolineato che la metà degli Stati membri dell’UE ignora ancora gli impegni presi e da raggiungere entro il 2030, scrive Sarantis Michalopoulos per EURACTIV.com.

La direttiva ignorata

Nel dicembre 2016, l’Ue ha adottato la nuova direttiva sui limiti nazionali di emissioni (NEC), che stabilisce limiti più rigorosi sui cinque principali inquinanti in Europa. Si stima che queste misure consentano di dimezzare entro il 2030 gli impatti negativi sulla salute dell’inquinamento atmosferico, quali le malattie respiratorie e la morte prematura.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, circa 30 milioni di europei hanno asma, mentre a livello mondiale il numero raggiunge circa 235 milioni.

Il costo complessivo dell’asma in Europa è di 17,7 miliardi di euro l’anno e la perdita di produttività è stimata in 9,8 miliardi di euro all’anno.

“L’asma e le allergie sono le malattie croniche più comuni nei bambini e la causa principale delle assenze scolastiche, delle visite di emergenza e delle ricoveri in Europa”, spiega la Federazione Europea delle Associazioni dei Pazienti delle Malattie Allergie e Malattie Aeree (EFA).

Per il presidente EFA Mikaela Odemyr, queste patologie sono strettamente legate alla qualità dell’aria che respiriamo. Una realtà che molti Stati membri continuano, però, a far finta di non vedere, ignorando le norme comunitarie sulla qualità dell’aria.

L’Italia fa finta di nulla

“La Bulgaria è già stata giudicata colpevole dalla Corte di giustizia dell’Unione europea per aver sistematicamente e costantemente superato le norme dell’Unione europea sulle particelle particolarmente sottili in tutto il suo territorio e la Polonia è attualmente in fronte di un caso davanti alla Corte”, ha sottolineato a Euractiv.com la Odemyr.
A febbraio, l’esecutivo ha inviato avvisi alla Germania, alla Francia, alla Spagna, all’Italia e al Regno Unito per non aver affrontato ripetute violazioni dei limiti di inquinamento atmosferico per il biossido di azoto (NO2), che ha causato quasi 7.000 morti premature in Europa nel 2013.
L’EFA ha accusato l’UE di attuare norme meno severe per la protezione della salute dall’inquinamento atmosferico rispetto alle raccomandazioni del 2005 dell’OMS.
“Circa il 90% degli europei che vivono in città sono esposti a livelli nocivi di inquinamento atmosferico. […] Questo ha causato 467.000 morti premature solo nel 2013 “, ha denunciato.