Milano niente sale nelle mense degli asili. E scoppia la protesta

Via il sale aggiunto dai menu degli asili di Milano. A stabilirlo è stato l’Ats, l’Agenzia di tutela della salute (la ex Asl), e Milano Ristorazione, la società che gestisce i pasti “collettivi” nel capoluogo lombardo, si è adeguata: piatti “sciapi” per “abituare al gusto naturale degli alimenti e ridurre la propensione verso cibi troppo salati”.

Secondo i nutrizionisti se i bambini si abituano a non assumerlo ne beneficeranno in salute. Ecco allora che dalle mense degli asili arrivano per loro paste e risotti perfettamente insipidi (anche l’acqua della bollitura non viene salata). I genitori hanno già espresso la loro contrarietà: i nostri figli non mangeranno più!

Effetto boomerang?

In effetti senza un adeguato e progressivo cambio di abitudini alimentari – non solo a scuola ma anche a casa – si rischia il flop. Le commissioni mensa lamentano la mancata comunicazione – “la novità non è stata anticipata e così diventa controproducente” – e chiedono di tornare “a mettere il sale almeno nell’acqua di cottura della pasta”. Il risultato? Nei primi giorni di sperimentazione molte porzioni “non sono state nemmeno toccate e sono finite nella spazzatura“.

Il paradosso dei corn flakes

Che senso ha togliere il sale dalla pasta e poi “rimpinzarsi” patatine, salumi e pizza? Il sale poi si trova anche su cibi apparentemente “sciapi” e giudicati equilibrati come i corn flakes. Come raccontiamo nel numero in edicola, le dosi consigliate di sale per un bambino di 6-8 anni sono 3 g al dì e 0,6 al mattino.

È molto facile però superare il “tetto” consigliato visto che con appena 30 grammi di fiocchi si assume più sale che con una porzione (25 grammi) di patatine fritte. Salate!

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021