La Lorenzin si arrende: “Non verrà prorogato l’uso del glifosato”

Nonostante le richieste di molto aziende “non verranno più emessi ulteriori provvedimenti di proroga allo smaltimento delle scorte” di alcuni prodotti contenenti glifosato. Il ministero della Salute getta la spugna e accetta la diffida presentata da Safe, Safe Food Advocacy Europe, l’ong che si batte per la sicurezza alimentare in Europa: dopo maggio non potranno più essere nè commercializzati nè venduti fitosanitari a base di glifosato in combinazione con l’ammina di sego polietossilata, già valutati a livello europeo come particolarmente pericolosi.

Richiedi qui il libro inchiesta IN OMAGGIO “La vera storia del glifosato”

La conferma di tossicità

L’uso di questi prodotti “ai fini di smaltimento di scorte” erano stati autorizzati dal ministero diretto dalla Lorenzin con il decreto del 21 novembre 2016, e Safe e Pan Italia (Pesticide Action Network) avevano presentato una diffida legale al ministero per chiedere “l’immediata revoca”. Il motivo? Scrivevano  Safe e Pan Italia nel ricorso: “L’ammina di sego polietossilata, coformulante per il quale il Regolamento 2016/1313 (art. 2, ultimo comma) esclude espressamente l’utilizzazione in combinazione con il glifosato, a causa degli effetti tossici che ne derivano”.  La stessa Efsa ha stabilito: “Rispetto al glifosato, in tutti i punti finali esaminati sono stati osservati effetti tossici significativi dell’ammina di sego polietossilata e che per i prodotti fitosanitari contenenti glifosato la tossicità deriva soprattutto dalla componente di ammina di sego polietossilata”.

Cimarrusti: “Eccellente notizia ma…”

Soddisfatta Floriana Cimmarusti, presidente di Safe: “È un eccellente notizia quella che il ministero della Salute italiano si impegni a non concedere alcun ulteriore proroga al decreto, nonostante le numerose richieste di diverse società. Tuttavia non dobbiamo dimenticare che tali prodotti tossici saranno sul mercato italiano fino a maggio 2017, quasi un anno dopo il divieto Ue”.

Una firma per dire #StopGlifosato

Prosegue intanto l’iniziativa alla quale aderisce anche il Salvagente per raccogliere un milione di firme in tutta Europa per dire a voce alta StopGlifosato. Attraverso uno strumento che è più di una petizione, è un meccanismo è uno strumento per chiedere alla Commissione Europea di proporre o cambiare delle leggi in Europa.