Francia verso l’obbligo per tutti i vaccini pediatrici

Rendere obbligatori tutti gli 11 vaccini pediatrici. E’ questo il risultato della consultazione nazionale sui vaccini e sulle vaccinazioni lanciata all’inizio di quest’anno dal ministro francese, Marisol Touraine, con l’obiettivo di riformare in modo condiviso la materia. Anche in Francia, infatti, è attivo un fronte di scettici riguardo al tema delle vaccinazioni che in tanti giudicano complessa: il 41% dei francesi dubita circa l’efficacia dei vaccini. In particolare risulta poco chiara la distinzione tra vaccini raccomandati e quelli obbligatori. Attualmente in Francia, sono obbligatori solo tre vaccini (contro la difterite, il tetano e la poliomielite). Gli altri sono solo “consigliati” e tra questi rientrano i vaccini contro la pertosse, l’epatite B, il batterio Haemophilus influenzae, pneumococco, meningococco C, morbillo, parotite, rosolia.

Obbligatori e facoltativi? Non ha senso

La consultazione ha suscitato grande interesse nel paese: il comitato ha raccolto poco più di 10.000 contributi -tutti disponibili on-line. La conclusione è che la maggior parte dei cittadini è convinto che la distinzione tra vaccini obbligatori e facoltativi non ha più ragione di esistere. Dunque, è concorde nell’estendere l’obbligatorietà a tutti i vaccini pediatrici con un aumento della spesa sanitaria pari a 150 milioni di euro all’anno.

Nelle sue conclusioni, il comitato francese ha tenuto conto anche dei genitori scettici nei confronti delle vaccinazioni prevedendo in questo caso una clausola di esenzione: i genitori che non vorranno vaccinare i figli, dovranno firmare un documento scritto, con il rischio che il loro bambino non possa frequentare la scuola.

 

 

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente