domenica, 5 Dicembre 2021

Tag: consumatori arrabbiati

caporalato

Funky Tomato, tra silenzi e prodotti non consegnati, la triste fine...

Quando nel 2015 alcuni attivisti anti-caporalato decisero di fondare l'esperienza Funky Tomato, il Salvagente era stato tra i primi a raccontarlo con entusiasmo ai propri lettori: una produzione di sughi di pomodoro che nasceva dal riconoscimento del giusto compenso ai braccianti. Purtroppo a distanza di cinque anni, di quella bellissima idea restano solo i cocci rappresentati dalla rabbia di alcuni consumatori che accusano Funky Tomato di mancanza di trasparenza e soprattutto, di non aver consegnato i prodotti ordinati. Il Salvagente ha sentito le parti in causa, ricostruendo un quadro fatto di buone intenzioni, comunicazioni opache e gestione fallimentare