Cibo in scatola: i vantaggi e gli svantaggi in cucina e per l’organismo

cibo in scatola

Sempre più utilizzati, i cibi in scatola possiedono numerosi vantaggi ma allo stesso tempo degli svantaggi. Vediamo quali sono

I cibi in scatola sono degli alimenti sempre più utilizzati, in quanto permettono di avere dei cibi pronti in pochissimo tempo e senza stress. Si tratta della scelta ideale per chi non ha molto tempo a disposizione per la preparazione di pranzi e cene. Spesso però questi alimenti vengono demonizzati.

In questo articolo andremo ad analizzare i principali cibi in scatola, comprendendo al meglio quali sono gli svantaggi e i vantaggi di questi alimenti.

Quali sono gli alimenti in scatola più utilizzati? Ecco i vantaggi e gli svantaggi di ognuno

Il cibo in scatola più utilizzato è sicuramente quello caratterizzato dai legumi. Si tratta infatti di un alimento con un buon apporto proteico, e possono essere impiegati sia nell’alimentazione onnivora che nell’alimentazione vegetale.

In particolare i legumi devono essere messi in ammollo per circa 12 ore per poter essere utilizzati. Ecco perché è un vantaggio non da meno poter utilizzare i legumi già in scatola. Poiché sono pronti per essere mangiati, evitando di perdere tempo. Inoltre occorre specificare che sono sterilizzati ed è molto improbabile trovare parassiti o batteri.

Un altro alimento molto consumato e apprezzato nella categoria del cibo in scatola è il pesce. Il principale è sicuramente il tonno ma anche il salmone viene impiegato per numerose ricette.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021

Uno dei principali vantaggi di questo alimento è che vengono minimizzati i grassi incrementando a loro volta le proteine. Di contro però il pesce trattato perde una buona parte del suo Omega 3  e la vitamina A.

Infine vogliamo citare la carne in scatola, in quanto si tratta di un alimento semplice e gustoso per i propri pasti veloci. Si tratta di un prodotto ricco di proteine e povero di calorie, ma allo stesso tempo vengono impiegati numerosi addittivi per garantire la sua conservazione.

Qual è il cibo in scatola da evitare?

Senza dubbio si sconsiglia l’utilizzo di frutta e verdura in scatola, da impiegare nella propria dieta in via eccezionale. Questo perché sia la frutta che la verdura perdono durante la lavorazione le proprietà che le caratterizzano. Di conseguenza è consigliabile di prediligere sempre verdure fresche e di stagione, lo stesso vale per la frutta.

Esistono poi degli alimenti utilizzati soprattutto nella preparazione dei dolci, come l’ananas e le pesche sciroppate. Ma si tratta appunto di alimenti da impiegare occasionalmente.

In generale quali sono i vantaggi e gli svantaggi del cibo in scatola?

Nei precedente paragrafo abbiamo elencato i vantaggi e gli svantaggi di ogni prodotto in scatola. In generale però si tratta di alimenti che è bene non consumare ogni giorno, poiché si tratta pur sempre di prodotti lavorati e non freschi.

Possono essere un buon sostituto, ma se si ha la possibilità è bene prediligere la versione fresca, come nel caso della carne, della frutta e della verdura.

I legumi si classificano per essere il migliore alimento in scatola disponibile in commercio.