Piscina, come abbassare il pH dell’acqua senza utilizzare prodotti chimici

PISCINA PH

Anche per la piscina (o piscinetta) di casa va tenuto sotto controllo il pH dell’acqua: ecco come abbassarlo o stabilizzarlo con rimedi naturali

Il pH è un valore che sostanzialmente indica il grado di acidità o basicità di una soluzione, nel caso delle piscine, pure quelle domestiche, la soluzione di riferimento è naturalmente l’acqua. 

Tale valore deve essere monitorato costantemente, questo controllo si inserisce infatti all’interno di una delle tante operazioni di routine e di manutenzione, che chi possiede una piscina deve eseguire. 

Il valore del pH influenza la qualità dell’acqua, pertanto controllandolo ed eventualmente stabilizzandolo, potrete evitare problemi cutanei, fastidiose irritazioni alla pelle e problemi oculari. 

Come si misura il pH quali sono i valori da tenere in considerazione? 

Per effettuare correttamente la misurazione del pH dell’acqua di una piscina, è possibile acquistare un apposito kit, che permette anche di misurare il livello di cloro. 

Il kit in questione è composto da un test che si effettua attraverso delle strisce graduate, che dovranno essere immerse nell’acqua della piscina e che permetteranno di ottenere il valore del pH, ma anche di quantificare il livello di cloro. 

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021

Di norma, il pH deve essere regolato sui 7 gradi, se è troppo alto, è importante abbassarlo ricorrendo all’utilizzo di prodotti chimici adeguati oppure in alternativa mettendo in atto dei rimedi naturali specifici. 

Abbassare il pH dell’acqua  in modo naturale

Non tutti lo sanno, ma esistono dei rimedi naturali, che consentono di abbassare il pH dell’acqua delle piscine, senza ricorrere in alcun modo all’utilizzo di prodotti chimici.  

Tali rimedi permettono di ottenere lo stesso risultato, ma senza il rischio di incorrere in spiacevoli effetti indesiderati. 

L’elettrolisi del sale 

Per abbassare il pH dell’acqua della piscina, mediante l’elettrolisi del sale, vi basterà munirvi di un’apposita apparecchiatura, la cui misura varia in funzione delle effettive dimensioni della piscina. 

Quest’apparecchiatura viene posta a contatto diretto con l’acqua e agisce trasformando il comune sale, anche quello da cucina, in acido ipocloroso, per poi trasformarlo nuovamente in sale. 

Questo sistema permette di ottenere molteplici vantaggi, in primo luogo l’abbassamento del pH dell’acqua e in secondo luogo permette di ottenere un notevole risparmio economico rispetto all’acquisto di prodotti chimici. 

Il bicarbonato di sodio 

Altro rimedio naturale che è possibile mettere in atto per ridurre il pH dell’acqua della piscina e stabilizzarlo, consiste nell’utilizzare del comunissimo bicarbonato di sodio, facilmente reperibile al supermercato o in farmacia. 

Per farlo, vi basterà aggiungere del bicarbonato all’acqua della piscina e tenere sotto controllo il valore del pH per capire se effettivamente diminuisce. 

L’acido citrico e bicarbonato 

Tra i vari rimedi naturali che è possibile mettere in pratica per abbassare il valore del pH dell’acqua della piscina, vi è la possibilità di mescolare dell’acido citrico con bicarbonato, per ottenere una sostanza più concentrata da sciogliere in acqua.