Roaming, dove e come si può usare lo smartphone “come a casa”?

La disciplina sul roaming è stata aggiornata così tante volte che spesso si fa fatica a comprendere dove e a che condizioni è possibile usufruire del proprio abbonamento mobile quando si è all’estero per vacanza o per lavoro. Sos Tariffe ha messo a disposizione un utile schema

L’ultimo provvedimento che ha cambiato le regole del roaming è entrato in vigore lo scorso 1°luglio: l’ultimo (in ordine di tempo) pacchetto di regole che migliora la possibilità di utilizzare il proprio telefono cellulare quando si è all’estero proprio come quando si è a casa. Il rischio è che si finisca col fare una grande confusione. Sos Tariffe ha sintetizzato in uno schema quello che c’è da sapere prima di partire per evitare di pagare inconsapevolmente per un servizio. (continua dopo l’immagine)

Attenzione alla destinazione

Innanzitutto, qual è la meta delle nostre vacanze? Come suggerisce Sos Tariffe, non si tratta di un’informazione di poco conto: nei territori Ue si applica il Roaming Like at Home che, con alcune limitazioni, consente di utilizzare i bonus della propria offerta anche al di fuori dei confini nazionali. Le cose cambiano nei territori extra UE in cui è necessario valutare altre opzioni per poter utilizzare lo smartphone.

Il Roaming Like at Home è valido in Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Grecia, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi-Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Ungheria e nei Paesi dello Spazio Economico Europeo (Islanda, Lichtenstein e Norvegia).

Il Regno Unito, dopo la Brexit, non è incluso nell’elenco dei Paesi in cui è possibile ricorrere al Roaming Like at Home. Alcuni operatori di telefonia mobile in Italia, però, garantiscono ancora la possibilità di utilizzare i bonus della propria offerta senza costi. Per tutte le mete di viaggio che non rientrano nell’elenco precedente e, quindi, per i Paesi extra Ue verrà applicata una tariffazione a consumo (ogni operatore applica un listino specifico per le tariffe internazionali).

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021

Quanti giga ho?

I vantaggi del Roaming Like at Home sono limitati, in particolare per quanto riguarda i Giga disponibili in roaming ogni mese. È previsto un tetto massimo ai Giga utilizzabili senza costi aggiuntivi in roaming in Ue. Tale tetto è legato al canone mensile della propria offerta da una formula ben precisa. Tale formula si aggiorna periodicamente.

Dal 1° luglio 2022, chi ha un’offerta da 10 euro al mese può utilizzare in roaming in Ue fino a 8,2 Giga al mese senza costi aggiuntivi. I singoli provider possono offrire un bundle maggiore ma non inferiore (a meno che non abbiano ottenuto una deroga da Agcom). Il Roaming Like at Home è pensato per agevolare i cittadini europei durante i viaggi di lavoro e le vacanze.

Non si tratta di una normativa pensata per i soggiorni prolungati. Gli operatori possono applicare tariffe a consumo agli utenti che utilizzano una Sim italiana all’estero per un lungo periodo di tempo, annullando i vantaggi del Roaming Like at Home. L’applicazione di costi extra al roaming in Europa può avvenire solo dopo un periodo di monitoraggio dell’utilizzo della SIM di almeno 4 mesi.