“Zero Emissioni”, uno studio svela le promesse da marinaio di Ikea, Amazon, Nestlé e Unilever

ikea

Un rapporto svela le bugie di alcune delle più grandi aziende del mondo suglli obiettivi di zero emissioni sbandierati al mondo. La ricerca del NewClimate Institute suggerisce infatti che ridurranno le loro emissioni di carbonio solo del 40% anziché del 100% dichiarato. Amazon, Ikea, Nestlé e Unilever sono tra le società citate perché mostrano poca sostanza alle loro affermazioni secondo cui ridurranno drasticamente le emissioni.

“Molto delusi”

Thomas Day del NewClimate Institute ha spiegato al quotidiano The Guardian: “Siamo rimasti molto delusi e sorpresi da quanto margine di miglioramento ci fosse. Le aziende devono essere molto più trasparenti su questi obiettivi”. In particolare, gli obiettivi a breve termine erano particolarmente preoccupanti, ha aggiunto. “Il rapporto ha mostrato che le aziende intervistate ridurrebbero le loro emissioni in media solo di circa il 23% entro il 2030, rimanendo molto al di sotto della cifra di quasi il dimezzamento nel prossimo decennio che gli scienziati ritengono necessario per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C. “È l’azione a breve termine che è la cosa più importante, nella crisi climatica”, ha detto Day.

Il ruolo delle compensazioni di carbonio

Molti si affidano alla compensazione del carbonio per gran parte dei tagli previsti. “La compensazione del carbonio è la pratica controversa di pagare progetti che riducono l’anidride carbonica, di solito mantenendo le foreste o coltivando nuovi alberi, per compensare i gas serra emessi altrove” scrive il Guardian. Molte delle aziende studiate hanno fatto gran parte delle loro affermazioni pubbliche sulla sostenibilità ambientale. “Da alcune aziende mi aspettavo di più, data la loro percezione molto positiva, come Ikea, Unilever e Nestlé”, ha affermato Day.

Una bocciatura su tutta la linea

Il Corporate Climate Responsibility Monitor, del NewClimate Institute e del Carbon Market Watch, ha valutato le aziende in base a criteri tra cui i loro obiettivi, la quantità di compensazione che intendevano utilizzare e l’affidabilità di tali compensazioni, nonché i progressi nella riduzione delle proprie emissioni e la trasparenza erano nella definizione degli obiettivi e nella rendicontazione aziendale. Nessuna delle 25 società valutate è stata giudicata in grado di raggiungere uno standard elevato in base a questi parametri di riferimento. Tra quelle che mostravano “bassa integrità” c’erano Amazon e Ikea, mentre le 11 aziende che si classificavano peggio nello studio, mostrando “molto bassa integrità”, includevano E.ON e Nestlé. L’uso eccessivo della compensazione è stato uno dei motivi principali per cui la maggior parte delle aziende è stata contrassegnata al ribasso.

Il problema del rimboschimento

I critici affermano che molti progetti di compensazione sono risultati di dubbio valore e alcuni sono stati fraudolenti. La silvicoltura rappresenta anche un pessimo sostituto dei tagli immediati delle emissioni poiché il carbonio emesso nell’atmosfera oggi inizia a riscaldare l’atmosfera e continua a farlo per almeno un secolo, mentre gli alberi impiegano decenni per crescere e immagazzinare il carbonio assorbito dall’aria. I fautori ribattono che con la deforestazione dilagante in tutto il mondo, preservare le foreste esistenti è uno dei modi più importanti per affrontare la crisi climatica.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021

Le risposte delle aziende

Un portavoce di Amazon ha affermato che l’azienda aveva l’obiettivo di raggiungere l’azzeramento delle emissioni di carbonio entro il 2040: “Abbiamo fissato questi obiettivi ambiziosi perché sappiamo che il cambiamento climatico è un problema serio e che è necessaria un’azione ora più che mai. Amazon è sulla buona strada per alimentare le nostre operazioni con il 100% di energia rinnovabile entro il 2025, cinque anni prima del nostro obiettivo originale”.
Un portavoce di E.ON ha dichiarato: “Secondo noi, [il rapporto] non è solo metodologicamente scorretto, ma i suoi risultati sono fuorvianti. L’impronta di carbonio di E.ON si basa sui principi dello standard di contabilità dei gas serra applicabile a livello globale. E.ON è stato nuovamente incluso nella A List da CDP [the Carbon Disclosure Project] per i suoi rapporti sul clima nel 2021″.

Un portavoce di Ikea ha dichiarato: “Sebbene Ikea abbia già ottenuto molto, come rompere il legame tra la riduzione delle nostre emissioni assolute e l’aumento della crescita aziendale, abbiamo piani in atto per affrontare le nostre restanti sfide complesse, come l’impronta climatica dei materiali utilizzati nella gamma Ikea”.
Benjamin Ware, responsabile globale della fornitura climatica e dell’approvvigionamento sostenibile di Nestlé, ha dichiarato: “Accogliamo con favore l’esame delle nostre azioni e impegni sui cambiamenti climatici. Tuttavia, il rapporto manca di comprensione del nostro approccio e contiene imprecisioni significative. La [nostra] tabella di marcia per il clima è stata convalidata dalla Science-Based Targets Initiative [un ente per la sostenibilità aziendale]. Il lavoro che vi è stato dedicato è rigoroso ed esteso”.
Un portavoce di Unilever ha dichiarato: “Sebbene condividiamo diverse prospettive su alcuni elementi di questo rapporto, accogliamo con favore l’analisi esterna dei nostri progressi e abbiamo avviato un dialogo produttivo con il NewClimate Institute per vedere come possiamo evolvere in modo significativo il nostro approccio”.