La fondazione di Bill Gates finanzia una piantagione di palma che viola i diritti umani

MERCOSUR

Secondo un rapporto dell’Oakland Institute, la Bill & Melinda Gates Foundation insieme a una serie di importanti sovvenzioni universitarie statunitensi sono tra i principali investitori in una serie di piantagioni di palma da olio nella Repubblica democratica del Congo, accusate di violazioni dei diritti umani. I ricercatori del gruppo hanno detto al portale di informazione Mongabay che nell’ultimo anno sono aumentati gli episodi di brutalità da parte della polizia e delle guardie di sicurezza contro gli abitanti dei villaggi locali e i lavoratori delle piantagioni. “Abbiamo una lunga storia di abusi, ma quest’ultimo anno è stato davvero, davvero brutto e in realtà c’è stato un aumento della violenza e della repressione delle comunità locali”, ha affermato Frédéric Mousseau, direttore politico dell’Oakland Institute.

La storia delle piantagioni

Le piantagioni si trovano nel nord boscoso della Repubblica democratica del Congo (Rdc) e sono gestite da Plantations et Huileries du Congo (Phc). Furono originariamente istituiti nel 1911 quando l’industriale britannico William Lever, fondatore di Unilever, ricevette una concessione di terra dalle autorità coloniali belghe che allora occupavano il Congo. Alcuni degli abitanti dei villaggi rurali che vivevano su quella terra furono successivamente costretti ai lavori forzati nelle piantagioni. Nel 2009, Unilever ha venduto la sua partecipazione alla società canadese Feronia, che dopo un decennio ha dichiarato bancarotta. Con l’assistenza delle banche, nel 2019 la maggior parte della proprietà è stata venduta a una valutazione d’occasione a Kuramo Capital Management (Kcm).

L’ingresso dei Gates tra i finanziatori

Secondo l’Oakland Institute, tra i maggiori investitori di KCM ci sono la Bill & Melinda Gates Foundation, nonché i fondi di dotazione dell’Università del Michigan, della Northwestern University e della Washington University di St. Louis. Anche il Government Employees Pension Fund del Sud Africa e il Royal County of Berkshire Pension Fund del Regno Unito sono stati tra coloro che hanno investito con KCM. Mousseau afferma che, nonostante il coinvolgimento di banche di sviluppo come il gruppo Cdc del Regno Unito e il finanziamento di importanti investitori internazionali, gli abitanti dei villaggi che vivono vicino alle tre piantagioni di Phc continuano a subire abusi fisici per mano delle forze di sicurezza e l’esposizione ai rischi ambientali. “Quello che abbiamo sentito dai nostri contatti è che ci sono stati molti incidenti durante l’ultimo anno”, ha detto Mousseau a Mongabay. “A settembre ce n’è stata una brutta quando la polizia e le guardie di sicurezza hanno danneggiato le case e picchiato le persone”.

Le violenze sui lavoratori

Secondo Mousseau, Phc afferma che l’aumento delle violenze contro i residenti delle città vicine e all’interno della piantagione è correlato a un aumento del prezzo dell’olio di palma, che questo mese ha raggiunto il suo massimo storico. In una risposta scritta al rapporto dell’Oakland Institute, Phc ha detto al gruppo che le forze dell’ordine congolesi stavano rispondendo al furto di frutti di palma dalla sua proprietà e che alla fine la società non aveva il controllo o la responsabilità della loro condotta. Mongabay ha visionato una serie di fotografie fornite dall’Oakland Institute che ritraggono i lavoratori della Phc con gravi lesioni facciali che si dice siano state causate dalla polizia durante un raid a gennaio. L’anno scorso, nel febbraio 2021, due persone che vivevano vicino alla piantagione di Lokutu della PHC sarebbero state uccise dalle guardie di sicurezza che lavoravano per l’azienda, tra cui un uomo di 33 anni di nome Blaise Mokwe.

Le sostanze tossiche scaricate

Secondo un’indagine del Centro Pulitzer e di El Pais, nel giugno 2021 Phc ha scaricato un carico di sostanze chimiche tossiche, comprese batterie scadute, pesticidi e prodotti a base di piombo, in un lotto aperto vicino a un sentiero a meno di un chilometro da una città vicina , quindi dai fuoco al mucchio. Secondo un rapporto del 2019 del gruppo di difesa Human Rights Watch, Phc stava pagando sottopagando i già bassi salari congolesi, non fornendo ai suoi lavoratori un’adeguata protezione contro i pesticidi pericolosi e scaricando rifiuti di deflusso non trattati nei principali corsi d’acqua vicini. Luciana Téllez Chávez, l’autrice di quel rapporto, ha affermato che le affermazioni sulla riduzione della povertà e sul miglioramento dei mezzi di sussistenza locali spinte dalle banche di sviluppo europee che finanziano la Phc non corrispondevano a ciò che vedeva sul campo.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021

La risposta della fondazione Gates

La Bill & Melinda Gates Foundation ha dichiarato a Mongabay che le sue decisioni di investimento sono gestite da un trust indipendente. “Farò conoscere al Trust la vostra richiesta, ma tenga presente che la politica del Trust è di non commentare le sue partecipazioni e decisioni di investimento”, ha affermato un portavoce della fondazione alla richiesta di Mongabay di fare pressione sulla piantagione per migliorare le condizioni dei lavoratori. La dotazione dell’Università del Michigan non ha risposto a una richiesta di commento.