Alimenti botanici sempre più usati, ma mancano leggi uniformi

Sempre più spesso, i produttori di alimenti e bevande integrano anche prodotti botanici nelle formulazioni dei loro prodotti, come fiori e foglie. “Stiamo assistendo a un aumento del consumo di integratori alimentari botanici”, ha detto al portale FoodNavigator un portavoce di Safe, un’organizzazione indipendente senza scopo di lucro il cui obiettivo è garantire che la salute e le preoccupazioni dei consumatori rimangano al centro del cibo dell’Ue.

Il boom a causa della dieta vegan

“Questa adozione può essere giustificata da un aumento delle diete alternative, come il vegetarianismo e il veganismo, un nuovo approccio alla salute in cui i consumatori non si concentrano più esclusivamente sull’assenza di malattie, ma cercano di prevenire le malattie e aumentare il proprio benessere cercando strumenti che possano aiutare a sostenere uno stile di vita sano” continua il portavoce di Safe. Tuttavia, secondo l’Ong, le preoccupazioni in merito alla sicurezza e all’accuratezza delle indicazioni sulla salute riportate sulle etichette sono in aumento. La campagna #KnowYourBotanicals, guidata da Safe Food Advocacy Europe (SAFE), sta affrontando queste preoccupazioni chiedendo un approccio armonizzato a livello di UE all’etichettatura e alla valutazione dei prodotti botanici.

Le 2mila indicazioni in sospeso

La campagna fa riferimento alle oltre 2mila indicazioni sulla salute botaniche in attesa di valutazione. Spiega il segretario generale di Safe, Floriana Cimmarusti: “Mentre cercava di avere le stesse indicazioni sulla salute per tutti gli Stati membri, la Commissione ha sospeso la valutazione di oltre 2mila di tali indicazioni, che sono ancora utilizzate oggigiorno dai produttori seguendo ogni volta un approccio diverso”, “la mancanza di armonizzazione crea anche confusione per i consumatori nel capire se ciò che stanno acquistando è considerato un alimento o una medicina o entrambi”.​

Manca l’armonizzazione

Per Safe questo è il problema principale: che l’attuale quadro non ha un approccio armonizzato per l’etichettatura e la valutazione dei prodotti botanici. “Dipendono sia dal diritto dell’UE che da quello nazionale, portando a risultati disparati in termini di qualifica (cioè i prodotti botanici possono essere considerati integratori alimentari in un paese e medicinali in altri)”, ha detto il portavoce a questa pubblicazione. Secondo il gruppo di difesa, anche la valutazione delle indicazioni sulla salute associate è “non a fuoco”. “Pertanto, la situazione attuale rischia di esporre i consumatori ad affermazioni infondate e rischia di creare confusione su ciò che stanno acquistando”.​

“Le informazioni di qualità sono essenziali’”

Safe sta esortando i responsabili politici a creare una valutazione del rischio su misura basata su metodologie appropriate per garantire che le indicazioni sulla salute rispettino le aspettative dei consumatori sugli integratori alimentari botanici. Informazioni armonizzate e “affidabili” sui prodotti botanici possono aiutare i consumatori a fare scelte di consumo informate che meglio si adattano alle loro esigenze di salute individuali, ha osservato parlando con FoodNavigator Cimmarusti.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021