Banane e pesticidi, il legame tossico che ha avvelenato gli agricoltori

BANANE

Le banane sono il frutto più consumato al mondo e anche quello a cui gli agricoltori riservano il più alto numero di trattamenti chimici. Una realtà che abbiamo fotografato anche con il nostro ultimo test di laboratorio condotto su 20 campioni di banane: ad eccezioni di 4 referenze (tre delle quali biologiche), tutti le banane sono risultate contaminate da pesticidi.

Vuoi leggere tutti i nomi e i risultati del test del Salvagente? Clicca sul pulsante verde qui in basso e acquista la tua copia del giornale

Sì, voglio acquistare il numero del Salvagente!

Perché tanti pesticidi?

Le piantagioni calde, umide e remote caratteristiche delle banane sono soggette alla crescita di un fungo chiamato Black Sigotoka. Questa crescita può distruggere un’intera piantagione in circa una settimana, un problema costoso per un frutto redditizio quale è la banana. Se è vero che la buccia è una buona barriera, è anche vero che l’uso è così massiccio che spesso arriva a contaminare la polpa.

Un problema di salute, non solo per i consumatori

La presenza di pesticidi che anche le nostre analisi hanno rilevato nella polpa delle banane rappresenta un problema di salute non solo per i consumatori. Sebbene la maggior parte dei coltivatori consideri l’uso di pesticidi come fondamentale per il successo della coltivazione delle banane, gli stessi sono stati fonte di un numero di patologie crescente tra i coltivatori. Un recente studio epidemiologico condotto per conto di Banana Link ha determinato le condizioni di vita e di lavoro, il benessere e la salute dei lavoratori agricoli e dei piccoli agricoltori nell’agricoltura equo/biologica e dei lavoratori nell’agricoltura convenzionale che utilizzano biocidi.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio scaricare gratis il numero di novembre 2021

In totale, hanno partecipato 34 lavoratori agricoli maschi esposti a pesticidi e 37 non esposti a pesticidi. La valutazione dell’indagine ha rivelato che la salute degli utilizzatori di pesticidi è influenzata dall’uso di biocidi nella produzione convenzionale di banane. I lavoratori dei pesticidi hanno mostrato significativamente più spesso sintomi come vertigini, vomito, diarrea, bruciore agli occhi, irritazione della pelle, affaticamento e insonnia. Abbiamo scoperto che il gruppo esposto aveva un rischio aumentato di 6-8 volte di riportare sintomi gastrointestinali (negli ultimi 6 mesi) rispetto al gruppo di controllo che non usava pesticidi. La maggior parte dei partecipanti non sapeva quali pesticidi applicare (55%). Tuttavia, coloro che sapevano stavano usando sostanze potenzialmente nocive. Alcuni di questi biocidi sono classificati come probabilmente cancerogeni (es. glifosato). La situazione è aggravata dal fatto che gli agricoltori hanno utilizzato solo indumenti protettivi minimi. Durante l’applicazione dei pesticidi solo un quinto degli agricoltori che lavorano con i pesticidi usa regolarmente maschere e guanti per la protezione personale, soprattutto perché non sono forniti dai datori di lavoro.
Conclusione Nelle condizioni prevalenti dell’agricoltura convenzionale con ampio uso di pesticidi, i rischi per la salute sono inevitabili.

Il caso Chlordecone

Da qualche mese, il governo francese ha riconosciuto il cancro alla prostata come malattia professionale causata dal clordecone: utilizzato per la prima volta nelle piantagioni di banane in Guadalupa e Martinica nel 1972 in una battaglia contro un insetto chiamato punteruolo della banana, ha finito con l’avvelenare il 90% della popolazione delle due isole. Bandita nel 1976 negli Stati Uniti, la sostanza è stata classificata come probabile cancerogena per l’uomo dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) nel 1979. La stessa Francia non l’ha vietata fino al 1990. Tuttavia, un’esenzione governativa ne ha consentito l’uso continuato nelle Indie occidentali per altri tre anni, fino al 1993.

Il legame tra chlordecone e cancro è stato confermato in un rapporto dell’Istituto nazionale francese per la salute e la ricerca medica (Inserm) pubblicato a giugno, che ha evidenziato una “forte presunzione di un legame tra l’esposizione al clordecone nella popolazione generale e il rischio di malattia prostatica”.

La ricerca sulle conseguenze per la salute del chlordecone non è nuova. I primi studi ebbero luogo già negli anni ’60, prima ancora che fosse introdotto nelle Indie occidentali. I ricercatori hanno rilevato disturbi neurologici nei test su animali di laboratorio, ma anche disturbi ai testicoli e lesioni tumorali del fegato.