Il miracolo della pallina in bioceramica in lavatrice? Un bluff

BIOCERAMICA
Caro Salvagente, sono una abbonata e vorrei chiedere un vostro parere sulle palline che contengono bioceramica e che sostituiscono i detersivi in lavatrice. Ho visto la pubblicità di EWBALLS.
lettera firmata
Cara lettrice, questo genere di oggetti viene distribuita da anni, con alterni successi e diversi marchi, ma con le medesime promesse. Il Salvagente, nel lontano 2008 le aveva messe alla prova con un test che aveva confrontato in laboratorio le biowashball, un detersivo leader di mercato e il lavaggio solo con acqua. Riproponiamo quello che era emerso, convinti che i risultati valgano ancora oggi per tutti i prodotti del genere, compreso quello che segnala lei.

Di cosa si tratta? Di una pallina di plastica verde con all’interno pezzetti di ceramica, a vederla sembra un giocattolo ma promette di rivoluzionare il nostro modo di fare il bucato. Pulito impeccabile senza più detersivi e con acqua a meno di 50 gradi. Questi gli effetti della sua “magia”, che sarebbe basata su una reazione chimico-fisica, la ionizzazione, che la ceramica, senza l’ausilio di alcun tipo di detergente chimico, produrrebbe con l’acqua alterandone le caratteristiche tanto da renderla capace di sciogliere lo sporco.

Stando a quello che dichiara il produttore, con la Biowashball nei tre anni corrispondenti alla vita di una pallina si risparmierebbero circa 1.000 euro in detersivo, una cifra sufficiente a far investire volentieri tra i 25 e i 35 euro nell’innovativo prodotto. Anche perché al risparmio per le tasche va aggiunto quello per l’ambiente, che si ottiene evitando di riversare migliaia di litri di detersivo ogni anno con gli scarichi della nostra lavatrice. E in più ci si mette  al riparo da molte controindicazioni dei detersivi, che spesso non sono proprio amici della pelle.

Magia svelata

Settimana dopo settimana nei blog e nei forum su internet crescono le discussioni e l’interesse sulla pallina per lavare senza detersivo. Ci sono gli entusiasti che organizzano ordini di massa dal produttore svizzero e gli scettici che ne mettono in dubbio l’efficacia. Non mancano nemmeno le testimonianze di chi l’ha provata: quelle di chi è totalmente soddisfatto, e quelle di chi, invece, spiega che, sì, lava, ma con lo sporco più impegnativo non ce la fa.

Se la pallina magica funziona o meno è una questione che ha subito appassionato anche il Salvagente, sempre attento a soluzioni che possano far bene all’ambiente e al consumatore, come a smascherare eventuali bufale. Abbiamo deciso così di tagliare la testa al toro commissionando un test di laboratorio per dire con certezza se Biowashball lava veramente.

I tecnici hanno messo in funzione tre lavatrici: una con la dose consigliata del detersivo in polvere leader di mercato (40 grammi di Dash in polvere), una con la Biowashball e la terza solo con acqua. In questo modo è stato eseguito il test standard con cui viene normalmente valutata l’efficacia di detersivi e altri prodotti per il bucato. Vale a dire che, alla stessa temperatura e con lo stesso carico e ripetendo la prova diverse volte, sono state lavate macchie standard (su pezzuole di cotone macchiate in laboratorio da istituti certificatori in modo da avere, per le diverse sostanze, tre serie di macchie assolutamente identiche tra loro) successivamente esaminate allo spettrofotometro, lo strumento che misura il grado di rimozione dello sporco, e contrassegnate con un valore da 1 a 100 (dove 100 è la rimozione completa).

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente

Le macchie standard sono quelle indicate dalle linee guida europee per questo tipo di test: 23 macchie corrispondenti ai tipi di sporco più comuni, dall’olio di motore all’erba, dal vino rosso al make up e così via.

Il risultato? Purtroppo per chi sperava nel miracolo Biowashball lava, ma esattamente quanto l’acqua da sola. Mentre il detersivo ha prestazioni notevolmente superiori.

Se la differenza visibile a occhio nudo dei valori sulla scala da 1 a 100 è di circa 2 unità, il prodotto chimico su quasi tutte le macchie ha ottenuto dai 10 ai 25 punti in più. La differenza tra Biowashball e acqua è invece risultata praticamente nulla.

Effetto placebo

Possibile che dietro alla pallina magica ci sia un imbroglio tanto grande? Non sarà che i risultati superiori del detersivo possono essere in qualche modo falsati dagli sbiancanti ottici, quei prodotti ad azione fluorescente che fanno sembrare il pulito del detersivo migliore di quello che è in realtà? “Niente da fare”, ci spiega il chimico Luigi Sedea, “gli sbiancanti ottici incidono sul grado di bianco e non su quello di pulito, e nelle prove standard di laboratorio si valuta il grado di pulizia”.

La Biowashball dunque non regge il confronto col detersivo, e quel che è peggio non si distingue neanche dalle prestazioni della lavatrice caricata con sola acqua: neppure l’azione meccanica è andata a vantaggio della pallina che, ci spiegano i tecnici di laboratorio, “è troppo leggera e non riesce a sbattere le pezzuole ma resta intrappolata”.

Biowashball, insomma, non funziona affatto. E a poco valgono le promesse in evidenza sulla confezione e nella pubblicità, e cioè che permette di rinunciare ai detersivi. Uno sprazzo di sincerità, per la verità, i produttori sembrano averlo, se, ma solo in piccolo, nelle istruzioni scrivono che in caso di sporco ostinato un po’ di detersivo è il caso di aggiungerlo al bucato. E le testimonianze di chi l’ha provata ed è stato soddisfatto?

Molto probabilmente sono sincere, anche se ingenue: le macchie del test infatti sono particolari perché concepite appositamente in modo che  nessun detersivo le elimini completamente, per poter valutare quale tra i prodotti comparati lascia meno sporco. Viceversa, molte macchie “normali” che combattiamo quotidianamente vengono eliminate anche solo dall’acqua calda: con questo sporco blando la Biowashball dà l’illusione di funzionare.

Chi è rimasto soddisfatto delle prestazioni della pallina verde, insomma, è stato vittima di una sorta di effetto placebo del bucato, che magari gli ha fatto evitare di usare detersivo inutile, ma gli è comunque costato 25 euro.

Il nostro test

 

Tipo di macchia       Biowashball  Dash    solo Acqua

 

Bianco                       84,2              85,5          84,1

Dessert                      39,3              56,9         42,0

Particolato di Torba      59,0              67,1         58,5

Particolato di Argilla     62,1              66,2         62,4

Olio Motore Esausto     51,7              59,3         52,4

Make Up                     30,4              45,4         31,1

Grasso Animale

con Colorante             30,2               46,8        30,8

Burro                         67,3               82,2        68,2

Salsa Spaghetti          70,3                83,5        71,8

Cibo per Bambini        69,9                80,8        70,6

Erba                          67,5                85,2        67,6

Tè                             52,5                78,8        53,1

Sangue                      68,3                84,5       70,5

Vino Rosso                 57,3                75,1        56,8

Curry                         54,1                77,0       54,1

Beta Carotene            81,2                 85,3       81,4