L’obesità dei bimbi dipende (anche) dalla dieta delle mamme

OBESITA'

L’obesità dei bambini è dovuta anche ad una cattiva alimentazione della madre durante la gravidanza.  È la conclusione cui è giunto uno studio dell’Università di Southampton secondo cui sostenere le donne a seguire una dieta sana prima della gravidanza potrebbe ridurre il rischio di obesità per i loro figli.

I tassi di obesità infantile sono in aumento in tutto il mondo. Nel Regno Unito, quasi un quarto dei bambini sotto i cinque anni è sovrappeso o obeso: un numero destinato a aumentare con l’età. I bambini obesi hanno maggiori probabilità di essere adulti obesi, con conseguenze a lungo termine per la loro salute. Le diete malsane sono un fattore importante che contribuisce a questo.

I ricercatori hanno scoperto che i bambini di otto o nove anni avevano maggiori probabilità di essere obesi se la madre aveva una dieta povera durante e prima della gravidanza. La ricerca identifica questi come momenti critici, in cui le iniziative per ridurre l’obesità infantile possono essere più efficaci.

Analisi a lungo termine

I ricercatori hanno analizzato i dati sulle diete di 2.963 coppie madre-figlio che facevano parte del Southampton Women’s Survey del Regno Unito, uno studio di lunga data che tiene traccia della salute delle madri e dei loro figli. Le donne si sono unite prima della gravidanza quando stavano pensando di avere un bambino.

Nell’ambito dell’indagine, le donne sono state intervistate e le loro risposte sono state utilizzate per compilare questionari sulla loro dieta e su quella del loro bambino. I ricercatori hanno chiesto informazioni sulla dieta della madre prima di rimanere incinta e quando erano di 11 e 34 settimane di gravidanza. Hanno anche chiesto cosa mangiava il bambino a sei mesi, un anno, tre anni, da sei a sette anni e da otto a nove anni.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente

Le informazioni dietetiche raccolte sono state utilizzate per assegnare a ciascuna coppia madre-figlio un punteggio combinato sulla qualità della dieta. Hanno usato questi punteggi per dividerli in cinque gruppi: povero, mediocre, medio, medio-migliore e migliore.

Effetti a lungo termine

Le madri che erano più giovani, avevano ottenuto meno titoli accademici, fumavano e avevano un indice di massa corporea (Bmi) più alto prima della gravidanza tendevano ad essere in un gruppo di dieta peggiore con il loro bambino.

Quando i bambini avevano dagli otto ai nove anni, i ricercatori hanno valutato la quantità di tessuto adiposo nei loro corpi utilizzando una scansione di assorbimetria a raggi X a doppia energia (Dxa). Hanno anche calcolato il Bmi del bambino, aggiustandolo per tener conto della loro età e sesso. I risultati, pubblicati sull’International Journal of Obesity, hanno mostrato che se una coppia madre-figlio apparteneva a un gruppo di qualità alimentare inferiore, ciò era associato a un bambino con una percentuale di grasso corporeo Dxa e un Bmi più elevati all’età di otto o nove anni.