Approvato il divieto di aste a doppio ribasso in Italia: la filiera agroalimentare sarà più equa

Le aste al doppio ribasso sui prodotti alimentari sono ufficialmente vietate nel nostro paese. Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legislativo che attua la Direttiva europea in materia di pratiche commerciali sleali nei rapporti tra imprese nella filiera agricola e alimentare, in cui è inserito il divieto di acquistare prodotti agricoli e alimentari attraverso il ricorso a gare e aste elettroniche a ribasso. Proprio per il ritardo nell’applicare quella direttiva, l’Italia è finita sotto procedura d’infrazione.

Esulta Terra!, l’associazione ambientalista che porta avanti la battaglia per una filiera agroalimentare più equa da anni, prima con la campagna Filierasporca, insieme a daSud e Terrelibere.org, contro il caporalato, e poi con l’appello a fermare le aste a doppio ribasso. Partendo dalle inchieste di Fabio Ciconte, direttore di Terra!, e del giornalista Stefano Liberti, pubblicate su Internazionale, che hanno scoperto e denunciato per la prima volta il meccanismo delle aste già nel 2016, in questi anni Terra! ha più volte messo in luce le pratiche sleali della Gdo, in particolare di alcune sigle dei discount.

I casi denunciati da Terra!

E’ il caso di Eurospin, scoperto nel luglio 2018 ad acquistare, tramite un’asta al ribasso, 20 milioni di passate di pomodoro a 31,5 centesimi, quasi al di sotto del costo di produzione. Il gruppo si è ripetuto nel 2019, quando con lo stesso metodo aveva acquisito 10 mila quintali di pecorino romano, proveniente da latte sardo, negli stessi giorni in cui i pastori protestavano per la compressione dei prezzi.
L’ultimo caso che abbiamo denunciato risale al marzo 2020, in piena pandemia, quando Eurospin ha organizzato una serie di aste al ribasso per acquisire prodotti della quarta gamma, le classiche insalate in busta. Questa volta, secondo le fonti consultate da Terra! si è arrivati a ribassi del 30% rispetto al prezzo di partenza.

La campagna Astenetevi

Ecco perché Terra! ha lanciato, insieme alla Flai CGIL, la campagna #ASTEnetevi, che è riuscita ad ottenere già nel 2017 la firma di un protocollo tra parte della distribuzione organizzata e il Ministero dell’Agricoltura e un disegno di legge a prima firma Susanna Cenni approvato alla Camera nel 2019. Ma prima della fine del suo iter, è arrivato il recepimento della Direttiva europea sulle pratiche sleali nella filiera, che ha aggiunto le aste al ribasso all’elenco delle pratiche vietate.

“Non è subito chiaro il nesso che intercorre tra lavoratori sfruttati e aste al doppio ribasso – spiega Terra! – ma è anche nell’ossessione dei prezzi bassi, nella mercificazione del cibo che troviamo sugli scaffali dei supermercati e nel ricatto che subiscono i produttori che vanno cercate le cause del fenomeno del caporalato e della ghettizzazione di tanti lavoratori del settore agricolo”.

Non conosci il Salvagente? Scarica GRATIS un numero della nostra rivista cliccando sul pulsante qui in basso e scopri cosa significa avere accesso a un’informazione davvero libera e indipendente

Sì! Voglio ricevere GRATIS un numero del Salvagente