Nuovi Ogm, la Ue tira dritto e snobba ambientalisti e consumatori

OGM

La Commissione europea continua ad ignorare le richieste delle associazioni ambientaliste e continua sulla strada intrapresa della de-regolamentazione dei nuovi ogm. È da un mese che sul tavolo dell’esecutivo europeo è ferma una lettera in cui 57 organizzazioni ambientaliste  ribadiscono la loro ferma opposizione a questa deregolamentazione a causa dei “rischi inaccettabili” che comporterebbe per la salute e per la vita umana, l’ambiente e la mancanza di informazioni che genererebbe poiché questi prodotti non sarebbero più etichettati.

Vent’anni dopo, le stesse motivazioni

Le organizzazioni firmatarie criticano trasversalmente la Commissione Europea per essersi fatta portavoce delle argomentazioni delle aziende pro-Ogm. Ritengono in primo luogo che la Commissione faccia troppo affidamento sulle promesse fatte dalle aziende che questi nuovi Ogm contribuiranno a rendere l’agricoltura più sostenibile… anche se la maggior parte è solo nella fase di ricerca e sviluppo e che non c’è motivo di credere che avrebbero mantenuto le stesse promesse fatte per gli Ogm nei primi anni 2000.

Le organizzazioni notano inoltre che dei sedici prodotti citati come esempio dalla Commissione, sei sono stati modificati geneticamente per tollerare gli erbicidi e nessuna modifica riguarda l’adattamento alle condizioni climatiche o alla salinità del suolo. Ciò dimostra, per queste organizzazioni, che l’adattamento ai cambiamenti climatici è semplicemente una promessa che vincola solo chi ci crede.

Oltre a questo conteggio, colpiscono la forte somiglianza tra il ragionamento della Commissione e quello presentato dalle imprese che chiedono tale deregolamentazione. Entrambi affermano che le modifiche genetiche apportate in laboratorio possono apparire spontaneamente in natura o essere ottenute con metodi convenzionali. Di conseguenza, sostengono, questi prodotti non presenterebbero più rischi delle piante naturali e quindi non dovrebbero essere soggetti alla legislazione sugli Ogm. Questo ragionamento non è scientificamente giustificato per le organizzazioni, le quali rilevano soprattutto che la deregolamentazione con questo pretesto riguarderebbe prodotti la cui natura di modificazioni e la loro quantità saranno diverse e non simili a ciò che può essere prodotto naturalmente.

Anche gli aspetti più scientifici sono al centro del disaccordo presentato. Le 57 organizzazioni accusano la Commissione di ignorare consapevolmente i rischi associati agli effetti indesiderati di queste tecniche. Le organizzazioni segnalano rischi che la stessa industria farmaceutica ha segnalato alla Commissione. Più in generale, le organizzazioni affermano nella loro lettera che “non esiste alcuna base scientifica per deregolamentare intere classi di nuove tecniche di modificazione genetica e dei loro prodotti“.
Un disaccordo scientifico che riguarda anche la tracciabilità dei prodotti ottenuti da queste nuove tecniche di modificazione genetica. Per la Commissione, questi nuovi OGM non sono rintracciabili. Quali organizzazioni contestano. Ricordano quindi che la tracciabilità è già richiesta per legge e attuata con adeguate tecniche di laboratorio quando si tratta di identificare le varietà vegetali. Specificano inoltre che tale tracciabilità è particolarmente documentale. Su questo tema, le organizzazioni sono infine offensive quando ricordano alla Commissione il suo rifiuto da anni di qualsiasi lavoro della sua rete di laboratori specializzati per sviluppare protocolli di tracciabilità adeguati. Denunciano il ragionamento circolare della Commissione che, opponendosi al suo rifiuto a qualsiasi tentativo di lavoro da parte dei suoi esperti, oggi conclude di non essere teoricamente in grado di rintracciare questi nuovi OGM.

Brevetti: un quasi monopolio di Corteva

Le 57 organizzazioni firmatarie chiedono quindi che i prodotti derivanti dalle nuove tecniche di modificazione genetica siano inquadrati dalla vigente normativa sugli Ogm, compresa la Direttiva 2001/18. Tale quadro consentirà di “mantenere e migliorare la protezione dell’ambiente e della salute umana e animale”. Una richiesta rafforzata dalla loro osservazione che questo progetto della Commissione, presentato sotto le promesse non verificate di adattamento ai cambiamenti climatici e di riduzione dell’uso di pesticidi, andrà invece principalmente a beneficio dei titolari di alcuni brevetti. Affermano che “il panorama dei brevetti è ora dominato da Corteva, che controlla l’accesso ai propri brevetti ma anche ad altri brevetti necessari per coloro che desiderano utilizzare la tecnologia Crispr/Cas”.