Pesticidi nelle polveri domestiche in aree rurali: Italia seconda in Europa

GLIFOSATO

Ancora un dato negativo sulla qualità dell’aria e sulla contaminazione da pesticidi, in Italia. Uno studio avviato dall’iniziativa dei cittadini europei (Ice) Save Bees and Farmers ha rilevato che in tutta l’Ue la polvere delle camere da letto proveniente dalle zone rurali contiene un numero significativo di residui di pesticidi. E in questa speciale classifica negativa, il nostro paese si piazza molto male. L’Italia, dopo il Belgio, è il paese dove è stato rilevato il numero maggiore di principi attivi di pesticidi per campione: 13. Mentre è quarta tra gli stati europei i cui campioni hanno rilevato un maggior cumulo di milligrammi di pesticidi.

I pesticidi più frequenti

I principi attivi più frequentemente rilevati sono stati spiroxamina, piraclostrobina e fluopyram. Queste tre sostanze attive sono state rilevate in oltre il 75% di tutti i campioni. La tabella seguente fornisce una panoramica delle sostanze attive rilevate, ordinate per frequenza di rilevamento.

Come sono stati prelevati i campioni

I residenti delle aree agricole intensive hanno prelevato campioni di polvere domestica nelle loro camere da letto con il supporto delle Ong partner di 21 Stati membri. 30 pesticidi sono stati testati sui 450 pesticidi approvati nell’UE. Tutti i campioni sono stati contaminati con una media di 8 pesticidi con un massimo di 23 residui di pesticidi. I pesticidi sospettati di provocare il cancro nell’uomo, secondo le autorità dell’UE, sono stati rilevati in un campione su quattro. Sono stati comunemente trovati sospetti interferenti endocrini o sostanze tossiche per la riproduzione.

L’Ue deve muoversi

Helmut Burtscher-Schaden, responsabile chimico di Global2000 (Friends of the Earth Austria) ha spiegato: “Il problema della deriva dei pesticidi non può più essere ignorato. Ci auguriamo che l’individuazione di pesticidi sospetti cancerogeni e reprotossici nelle camere da letto delle popolazioni rurali possa essere un campanello d’allarme per le autorità di regolamentazione nell’UE. Dopotutto, gli studi epidemiologici mostrano un aumento del rischio di danni riproduttivi e cancro tra i residenti delle aree agricole “.

Poche indagini del genere

Le indagini governative sul problema della contaminazione da pesticidi sono troppo rare. Molte delle indagini scientifiche sistematiche – come quella sui pesticidi nei parchi giochi dell’Alto Adige negli interni residenziali in aree a gestione agricola della Francia – sono stati di iniziativa privata con la partecipazione dei diretti interessati. Tra questi studi, quello che è probabilmente il più esteso programma di misurazione dei pesticidi aero dispersi ad oggi, che copre 163 siti in tutta la Germania, e ha portato due risultati principali: il 10% delle sostanze attive di pesticidi cercate erano responsabili per il 90% dei rilevamenti positivi (di gran lunga il più frequente era il principio attivo erbicida del glifosato e il suo metabolita AMPA). In secondo luogo, non è stato possibile trovare siti “senza pesticidi”, nemmeno
nelle zone più remote.

Pericoli soprattutto per i bambini

Martin Dermine di Pan Europe, promotore dell’Ice, ha aggiunto: “Nelle zone rurali, i bambini quando strisciano sul pavimento sono costantemente esposti, attraverso la polvere, a pesticidi cancerogeni o che alterano il sistema endocrino. Questo non è accettabile poiché la scienza mostra che l’esposizione a piccole concentrazioni di tali sostanze chimiche può causare danni. Inoltre, l’esposizione a miscele di pesticidi non è testata nell’UE. È più che ora che l’UE smetta di sovvenzionare l’agricoltura intensiva inquinante e piuttosto sostenga le pratiche agroecologiche!”

L’Ice Salviamo api e agricoltori

“Salviamo api e agricoltori” è un’iniziativa dei cittadini europei che mira a raccogliere 1 milione di firme in tutta l’UE entro il 30 settembre. L’alleanza di oltre 200 organizzazioni ha tempo fino al 30 settembre per raccogliere le firme necessarie. Finora sono state raccolte più di 800.000 firme.