Plastica, perché se ne ricicla molto meno di quello che finisce nella differenziata

Siamo cresciuti con le pubblicità che invitano a riciclare la plastica. Ed è sicuramente un’ottima azione da cittadini responsabili. Quello che però in molti non sanno è che vendere il riciclo come soluzione all’inquinamento da polimeri è una mezza bugia. A dirlo è il portale Usa Consumer Reports (CR), che con una lunga inchiesta spiega perché molta meno plastica di quella conferita nel giusto cassonetto, diventa materia prima per altri prodotti. “Considera la quantità di plastica che metti nella spazzatura o nel riciclaggio in una giornata tipo. C’è il coperchio della tua tazza di caffè e forse una borsa di un giornale. C’è l’involucro di una barretta di cereali, un contenitore di yogurt, una conchiglia per insalata e l’abbondante confezione all’interno di una scatola arrivata per posta” elenca CR, “Se sei come la maggior parte delle persone, probabilmente presumi che quando getti la plastica nel cestino del riciclaggio verrà elaborata e trasformata in qualcosa di nuovo. La verità è che solo una frazione della plastica viene effettivamente riciclata. Secondo le stime dei dati più recenti disponibili dall’Agenzia per la protezione ambientale (EPA), solo l’8,7% della plastica che è stata scartata negli Stati Uniti nel 2018 è stata riciclata”.

Le aziende spingono perché si punti tutto sul riciclo

“Il riciclaggio è venduto come un mezzo per non preoccuparsi del problema”, afferma Judith Enck, ex amministratore regionale dell’EPA, ora professore in visita al Bennington College nel Vermont e presidente di Beyond Plastics, un gruppo focalizzato sulla fine dell’inquinamento da plastica. Le aziende che pagano per gli annunci che inquadrano il riciclaggio come una soluzione facile a un problema ambientale potenzialmente devastante sanno che il riciclaggio non può tenere il passo con l’ondata di nuova plastica, afferma Enck.

Quella che non viene riciclata

Se non viene riciclata, e di solito non lo è, viene gettato in discarica, incenerito o gettato nei rifiuti. L’EPA stima che nel 2018 circa il 16% dei rifiuti di plastica negli Stati Uniti sia stato incenerito. L’incenerimento della plastica in queste strutture ha portato a un leggero aumento delle emissioni di gas serra negli ultimi anni, secondo i dati dell’EPA. La combustione della plastica crea anche diossine e furani, due tipi di sostanze chimiche tossiche che possono diffondersi nell’aria e contaminare cibo, acqua e suolo. Nel tempo, l’inalazione di queste sostanze chimiche può aumentare il rischio di cancro, secondo Marilyn Howarth, MD, medico di medicina del lavoro e ambientale presso l’Università della Pennsylvania. Una quantità relativamente piccola è stata dispersa in ambiente. La maggior parte del resto è finita nelle discariche, compresa la maggior parte della plastica che le persone diligentemente mettono nei cassonetti per il riciclaggio. Nel corso di decenni o addirittura secoli, gran parte di quella plastica gettata in discarica si scompone in minuscole particelle note come microplastiche, che contaminano il nostro cibo, l’aria e l’acqua. Si accumulano anche nel nostro corpo, aumentando potenzialmente il rischio di infiammazioni croniche e altri mali.

La verità sul riciclaggio della plastica

“I contenitori dedicati per i rifiuti di plastica sono una vista comune e il riciclaggio della plastica è ampiamente promosso. Allora perché solo una parte della plastica che buttiamo viene effettivamente riciclata?” si chiede CR. Uno dei motivi è che la maggior parte della plastica non è facilmente riciclabile, afferma Jan Dell, un ingegnere chimico che dirige The Last Beach Cleanup, un’organizzazione no-profit focalizzata sull’inquinamento da plastica. I prodotti in plastica sono spesso costituiti da miscele di molte sostanze chimiche, che possono ostacolare i processi di riciclaggio rendendo più difficile l’isolamento di un materiale di base che può essere recuperato e riutilizzato.

Pochi incentivi

Forse la ragione più importante è che c’è pochissimo incentivo finanziario al riciclaggio: è molto meno costoso produrre la maggior parte dei tipi di plastica da zero piuttosto che riciclare la vecchia plastica in qualcosa di nuovo. I prodotti di plastica meno riciclabili includono molti etichettati con i numeri da 3 a 7 nel triangolo del riciclaggio, così come la maggior parte dei sacchetti di plastica e della pellicola da imballaggio.

Non tutte le plastiche sono riciclabili allo stesso modo

Alcuni tipi di plastica, tuttavia, sono economicamente sostenibili e relativamente facili da riciclare, e anche molto richiesti. Questi includono bottiglie di plastica PET, come quelle in cui vengono vendute soda e acqua, e lattiere in HDPE (rispettivamente etichettate con un numero 1 o 2 all’interno del triangolo di riciclaggio). Ma solo il 29% della plastica utilizzata in queste brocche e bottiglie è stata riciclata nel 2018.  Molti comuni Usa sono passati al riciclaggio a flusso unico, in cui lattine di alluminio, bottiglie di vetro, caraffe di plastica e carta e cartone vengono scaricati nello stesso bidone. Ciò può rendere le cose più facili per il consumatore, ma rende anche più difficile selezionare la plastica riciclabile, quindi più alla fine finisce per essere scartata piuttosto che riciclata, afferma Brandon Wright, vice presidente delle comunicazioni per la National Waste & Recycling Association.

Per un futuro più pulito

Dal punto di vista ambientale, il più grande vantaggio dell’aumento del tasso di riciclaggio della plastica non è tenere la plastica fuori dalle discariche o dagli inceneritori. “Il valore del riciclaggio sta soppiantando la produzione vergine, perché la quantità di inquinamento generata durante la produzione di materiali vergini è molto maggiore di quella generata quando si utilizzano materiali recuperati”, afferma Reid Lifset, direttore associato della gestione ambientale industriale presso la Yale School of the Environment. Ma come visto non basta. Gli esperti dicono che mentre ridurre l’uso della plastica è un degno obiettivo individuale, l’unico modo per arginare l’ondata crescente della plastica è che le aziende ne facciano meno e che i programmi di riciclaggio vengano riorganizzati in modo che più di ciò che buttiamo viene effettivamente trasformato in qualcosa di utile.