Miele contraffatto e carne di cavallo illegale, i numeri dell’ultima operazione di Europol

L’ultima operazione internazionale condotta da Europol e Interpol, OPSON X, ha portato al sequestro di oltre 15mila tonnellate di alimenti illegali tra miele, bevande alcoliche alcol e carne di cavallo. Si è svolta da dicembre 2020 a giugno 2021 e ha coinvolto le forze dell’ordine di 72 paesi, tra cui 26 Stati membri dell’UE.

Complessivamente le forze dell’ordine hanno effettuato circa 68.000 controlli e il valore degli illeciti scoperti è di circa 53,8 milioni di euro. Le autorità hanno emesso 663 mandati di arresto a seguito delle indagini e si stima che 42 reti criminali siano state interrotte.

“Rimuovere dal mercato una quantità così enorme di prodotti illegali e spesso pericolosi è un esempio concreto di come la cooperazione internazionale di polizia stia rendendo il mondo un posto più sicuro. La criminalità alimentare potrebbe non sembrare sempre una priorità assoluta della polizia, ma operazioni come OPSON X dimostrano gli enormi profitti generati da questi prodotti, che possono quindi finanziare altre attività della criminalità organizzata “, ha affermato Jürgen Stock, segretario generale dell’INTERPOL.

I “principali” prodotti illegali sequestrati, in ordine di quantità, sono stati:

    • Bevande alcoliche
    • Integratori e additivi alimentari
    • Cereali, granaglie e prodotti derivati
    • Frutta e verdura
    • Zucchero e prodotti dolci
    • Carne e prodotti a base di carne
    • Frutti di mare
    • Latticini
    • Prodotti a base di pollame
    • Bestiame
    • Condimenti
    • Olio da cucina
    • Bevande analcoliche
    • Caffè e tè
    • Cibo in scatola
    • Cibo per animali

L’adulterazione dell’alcol rimane una “grave minaccia”

In una dichiarazione congiunta, Europol e INTERPOL hanno dettagliato una serie di casi di studio che hanno evidenziato come le organizzazioni abbiano lavorato a fianco delle autorità nazionali per combattere la criminalità alimentare.

La Guardia Civil e le autorità doganali, supportate da Europol, hanno scoperto l’adulterazione delle bevande alcoliche quando è emersa una rete criminale che utilizzava coloranti per modificare la qualità e l’aspetto delle bevande. Questo caso ha portato a 14 arresti; i sequestri comprendevano 47.660 litri di whisky e 9.550 litri di alcolici per la fabbricazione di prodotti fraudolenti.

Nel frattempo la contraffazione di bevande alcoliche è stata scoperta anche dai Carabinieri italiani, supportati dalla polizia svizzera e dall’Europol. Questa indagine ha portato a cinque arresti domiciliari e tre obblighi di soggiorno.

In totale, un’azione mirata su alcol e vino è stata condotta in: Belgio, Bulgaria, Croazia, Cechia, Estonia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Paesi Bassi, Macedonia settentrionale, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Spagna e Scozia.

“La contraffazione di alcol rimane una seria minaccia per i consumatori, mentre incide negativamente sui produttori legittimi”, hanno osservato le autorità.

I risultati hanno visto un totale di 1,7 milioni di litri di vino, birra e bevande alcoliche sequestrati. La maggior parte delle infrazioni riguardava vino e vodka.

Miele finto che “minaccia” l’apicoltura

Europol ha notato che il “miele falso” è in circolazione dagli anni ’70, quando lo sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio è diventato ampiamente disponibile. Per aumentare i volumi e i profitti illegali, i criminali aggiungono sciroppo di mais e canna da zucchero molto più economici al miele genuino.

“Questa attività colpisce il mercato, che viene inondato di contraffazioni che hanno un prezzo molto più basso del prodotto genuino. Di conseguenza, gli apicoltori sono costretti ad abbassare gradualmente i prezzi dei prodotti genuini. Ciò può mettere in pericolo le loro attività, portandoli a diminuire la produzione e le popolazioni di api che mantengono “, ha spiegato l’ente investigativo criminale.

Azioni mirate sul miele sono state realizzate in: Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Cechia, Francia, Germania, Grecia, Italia, Liechtenstein, Lituania, Portogallo, Serbia, Spagna, Svizzera, Regno Unito (Scozia) e Stati Uniti.

Europol ha chiesto alle autorità nazionali di eseguire controlli sui prodotti illegali che potrebbero essere rilevati nella catena di approvvigionamento. Le autorità preposte alla sicurezza alimentare hanno eseguito controlli sui mercati interni, compresa la vendita diretta del bestiame, la raccolta e la lavorazione dei prodotti delle api, il commercio all’ingrosso, i distributori, i depositi, i mercatini, il commercio al dettaglio e la produzione di cibi pronti. Le autorità controllavano principalmente il rilevamento analitico dello sciroppo di zucchero e dello sciroppo di mais.

La carne di cavallo illegale rimane una preoccupazione

L’operazione OPSON IX ha visto l’avvio di un progetto dedicato a supporto delle autorità nazionali nella lotta alla vendita illegale di carne equina. Questa azione è stata condotta da Belgio, Irlanda e Paesi Bassi e sostenuta dalla Dg Sante.

In Belgio, Croazia, Danimarca, Francia, Irlanda, Italia e Spagna si è svolta un’azione mirata sui passaporti e sulla carne equina.

Le attività di follow-up durante OPSON X hanno portato all’apertura di tre nuove indagini nei paesi dell’Ue.