Tonno, la lettera di Ong e rivenditori: servono forti restrizioni contro i Fad, metodo di pesca insostenibile

tonno tonni

Una lettera firmata da oltre 100 Ong, dettaglianti e pesca artigianale condanna l’uso sempre più diffuso di dannosi “dispositivi di aggregazione del pesce” (Fad) nel settore della pesca e sollecita l’incontro di questa settimana della Commissione per il tonno dell’Oceano Indiano (Iotc) a considerare le proposte del Kenya e dello Sri Lanka per monitorare, gestire e limitare i Fad.  I firmatari avvertono di una urgente necessità di migliorare la gestione dei Fad al fine di ridurre la pesca eccessiva e ricostruire le popolazioni di tonno pinna gialla. I Fad sono boe galleggianti o altri oggetti che proiettano un’ombra, che attira i banchi di pesci. Come scrive il Guardian che riporta la notizia, “I pescatori artigianali, riconoscendo da tempo che il pesce si raccoglie sotto i tronchi, hanno utilizzato per secoli aiuti simili, ma il crescente utilizzo di Fad ‘alla deriva’ da parte delle flotte di pesca industriale sta destando preoccupazione tra i gestori della pesca e gli ambientalisti”. Gettando le reti vicino ai Fad, le navi possono aumentare le catture, ma l’uso dei dispositivi porta a più catture accessorie, compreso il novellame di tonno che non ha avuto la possibilità di riprodursi. In Italia, Greenpeace da anni conduce una battaglia contro i Fad, facendo pressione sui produttori.

I rivenditori cominciano a rifiutare i Fad

Rrivenditori come Sainsbury’s, Marks & Spencer e la catena tedesca Edeka hanno aderito alle richieste di restrizioni. Marks & Spencer ha avvertito che i Fad rappresentavano una “seria minaccia” per il recupero del tonno pinna gialla sovrasfruttato nell’Oceano Indiano, e ha chiesto alle autorità di regolamentazione e alle nazioni di pesca di adottare misure per limitare e gestire i dispositivi, al fine di contrastare la pesca eccessiva, nonché l’inquinamento marino da plastica e la cattura accidentale di tartarughe, squali e mammiferi marini. Le società si uniscono a Tesco, Co-op e Princes, che recentemente hanno chiesto un’azione dura per ricostruire gli stock di tonno pinna gialla dell’oceano.

Numeri preoccupanti

“Sebbene l’UE e le Maldive – scrive il Guardian – abbiano presentato proposte all’Iotc, che regola gli stock di tonno e si riunisce questa settimana per decidere come ridurre la pesca eccessiva e ricostruire le popolazioni, nessuna delle due proposte includeva il controllo dei Fad”. Marks & Spencer non ha firmato la lettera ma lunedì ha scritto ai delegati dell’IOTC a sostegno delle proposte di Kenya, Sri Lanka e Maldive. La ricerca ha collegato l’uso dei Fad alla deriva all’aumento delle catture di tonni pinna gialla e tonno obeso più piccoli e più giovani. Lo stesso gruppo di lavoro dell’Iotc ha espresso questa preoccupazione per i dispositivi tre anni fa. Secondo la Blue Marine Foundation, circa il 97% delle catture intorno ai FAD alla deriva erano pinne gialle giovanili. Al contrario, secondo l’INPLF, il 36% delle catture con la lenza e con l’asta delle Maldive erano giovani pinna gialla.

La richiesta per fermare il massacro di tonni giovani

Tra i firmatari della lettera all’Iotc ci sono il Wwf e la International Pole & Line Foundation (Ipnlf). Marcel Kroese del Wwf ha dichiarato: “Considerando che la maggior parte delle catture della pesca industriale finisce come tonno in scatola nell’Ue e nel Regno Unito, o sashimi in Giappone e negli Stati Uniti, il Wwf e i nostri partner chiedono un approccio di gestione rigoroso che riconosca il tonno ruolo fondamentale nella sicurezza alimentare, nella generazione di reddito e nello sviluppo economico per le comunità emarginate degli Stati costieri dell’Oceano Indiano”. La proposta del Kenya e dello Sri Lanka raccomanda di vietare l’uso di Fad alla deriva per tre mesi dal 1 ° luglio al 31 settembre e di ridurre il numero di Fad per ciascuna nave da 300 a 150.