Quattro consigli per la ricarica della batteria della bici elettrica

BATTERIA DELLA BICI ELETTRICA

In Italia non sono più un avvistamento raro. Grazie anche al bonus bici, le ebike sono diventate protagoniste sulle nostre strade. Ma quanto sappiamo delle regole da seguire per caricare in sicurezza e far durare di più le piccole batterie di una bicicletta elettrica?

La prima indicazione, forse scontata per i più, è che per evitare danni, che possono causare incendi ed esplosioni, questi dispositivi debbano essere sempre caricati e maneggiati secondo le istruzioni del produttore.

Il centro di consulenza per i consumatori tedesco NRW, però, ha deciso di offrire una guida ai neofiti delle ebike.

Le batterie agli ioni di litio, spiega l’associazione, sono le più diffuse e performanti ma sono anche costituite da componenti altamente reattivi e infiammabili. Tuttavia, se seguiamo le istruzioni di sicurezza e le maneggiamo con cura, possiamo evitare ogni danno. Ecco quattro suggerimenti per goderci a lungo la batteria della e-bike.

Batterie della bici elettrica: la delicatezza è d’obbligo

Le batterie vanno caricate solo con il caricatore originale e a temperatura ambiente. Attenzione però se il dispositivo diventa insolitamente caldo, dato che può indicare un difetto anche pericoloso. Per questi rischi, è meglio non lasciare mai la batteria completamente incustodita durante il processo di ricarica. In caso di incendio, estinguere il fuoco con una coperta ignifuga o della sabbia, non con l’acqua.

Una batteria danneggiata non deve essere caricata affatto. Pertanto, meglio controllare sempre in anticipo se è ancora intatta oppure mostra dei rigonfiamenti che debbono metterci sull’avviso.

Conservazione della batteria

Per conservare la batteria più a lungo, possiamo caricarla quotidianamente tra il 30 e il 60 percento e ricaricarla completamente (con un ciclo di scarica e ricarica) circa ogni tre mesi. L’ambiente per questo dovrebbe essere asciutto e in media con una temperatura tra i 10 e i 15 gradi.

Quando parcheggiamo la bici elettrica è sempre meglio rimuovere la batteria. Questo protegge dai furti, ma anche dai danni da urti in caso di ribaltamento della bici.

Proteggiamo le batterie da calore, freddo e urti

Questi accumulatori sono sensibili alle forti vibrazioni. È quindi meglio farli controllare da uno specialista dopo una eventuale caduta. Le batterie, inoltre, non amano le temperature superiori a 60 gradi, cioè l’esposizione prolungata al sole.

Quando sostituirla

Anche la batteria è una parte soggetta a usura. A seconda della cura, potrebbe essere necessario acquistarne una nuova dopo 500-1000 cicli di ricarica completi. È meglio utilizzare un modello originale, poiché i prodotti di terze parti possono essere fonte di pericoli, secondo il centro di consulenza per i consumatori nel Nord Reno-Westfalia.