Glifosato, nuove accuse: altera il sistema ormonale

GLIFOSATO

Una nuova ricerca conferma il potenziale di interferire con gli ormoni umani del glifosato. Alle stesse conclusioni era giunto a luglio scorso uno studio condotto dai ricercatori dello Iowa State University secondo cui l’erbicida, anche in dosi di poco superiori a quelle considerate sicure negli Stati Uniti, può alterare il peso ovarico e il numero di follicoli. Non solo, sempre la stessa ricerca ha concluso che l’esposizione cronica a basse dosi dell’erbicida può avere un impatto sulla funzione ovarica. Ancora prima era stato l’istituto Ramazzini ad arrivare alle stesse conclusioni.

In un articolo pubblicato sulla rivista Chemosphere intitolato “Glyphosate and the key features of an endocrine disruptor: A review“, un trio di scienziati ha concluso che il glifosato sembra avere otto caratteristiche chiave su dieci associate a sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino. Gli autori hanno avvertito, tuttavia, che sono ancora necessari studi prospettici di coorte per comprendere più chiaramente gli impatti del glifosato sul sistema endocrino umano.

Cos’è il glifosato

Il glifosato è l’erbicida più utilizzato al mondo, venduto in 140 paesi. Introdotto commercialmente nel 1974 dalla Monsanto Co, la sostanza chimica è l’ingrediente attivo in prodotti popolari come Roundup e centinaia di altri diserbanti utilizzati da consumatori, comuni, servizi pubblici, agricoltori, operatori di campi da golf e altri in tutto il mondo.

Dana Barr, professoressa presso la Rollins School of Public Health della Emory University, ha affermato che le prove “tendono a indicare in modo schiacciante che il glifosato ha proprietà di interferenti endocrini”.

“Non è necessariamente inaspettato poiché il glifosato ha alcune somiglianze strutturali con molti altri pesticidi che interferiscono con il sistema endocrino; tuttavia, è più preoccupante perché l’uso del glifosato supera di gran lunga gli altri pesticidi” ha detto Barr, che dirige un programma all’interno di un centro di ricerca sull’esposizione umana finanziato dal National Institutes of Health ospitato a Emory. “Il glifosato viene utilizzato su così tante colture e in così tante applicazioni residenziali in modo tale che le esposizioni aggregate e cumulative possono essere considerevoli.”

Phil Landrigan, direttore dell’Osservatorio globale sull’inquinamento e la salute e professore di biologia al Boston College, ha detto che la revisione ha raccolto “prove forti” che il glifosato è un distruttore endocrino. “Il rapporto è coerente con un corpus più ampio di letteratura che indica che il glifosato ha una vasta gamma di effetti negativi sulla salute – risultati che ribaltano la rappresentazione di lunga data del glifosato come una sostanza chimica benigna senza impatti negativi sulla salute umana da parte della Monsanto”, ha detto Landrigan.

Cosa sono gli interferenti endocrini

Gli EDC sono stati oggetto di preoccupazione sin dagli anni ’90, dopo che una serie di pubblicazioni suggeriva che alcune sostanze chimiche comunemente utilizzate nei pesticidi, solventi industriali, plastica, detergenti e altre sostanze potrebbero avere la capacità di interrompere le connessioni tra gli ormoni ei loro recettori.

Gli scienziati hanno generalmente riconosciuto dieci proprietà funzionali degli agenti che alterano l’azione degli ormoni, riferendosi a questi come dieci “caratteristiche chiave” degli interferenti endocrini. Le dieci caratteristiche sono le seguenti:

Gli EDC possono:

    • Alterare la distribuzione ormonale dei livelli circolanti di ormoni
    • Indurre alterazioni nel metabolismo o nella clearance degli ormoni
    • Alterare il destino delle cellule che producono ormoni o che rispondono agli ormoni
    • Alterare l’espressione del recettore ormonale
    • Antagonizza i recettori ormonali
    • Interagisci o attiva i recettori ormonali
    • Alterare la trasduzione del segnale nelle cellule che rispondono agli ormoni
    • Indurre modificazioni epigenetiche nelle cellule che producono ormoni o che rispondono agli ormoni
    • Alterare la sintesi ormonale
    • Alterare il trasporto degli ormoni attraverso le membrane cellulari

Gli autori del nuovo articolo hanno affermato che una revisione dei dati meccanicistici ha mostrato che il glifosato ha soddisfatto tutte le caratteristiche chiave con l’eccezione di due: “Per quanto riguarda il glifosato, non ci sono prove associate alla capacità antagonista dei recettori ormonali”, hanno detto. Inoltre, “non ci sono prove del suo impatto sul metabolismo ormonale o sulla clearance”, secondo gli autori.

L’accusa principale: è cancerogeno

La ricerca negli ultimi decenni si è concentrata in gran parte sui collegamenti trovati tra glifosato e cancro, in particolare il linfoma non Hodgkin (NHL). Nel 2015, l’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dell’Organizzazione mondiale della sanità ha classificato il glifosato come probabile cancerogeno per l’uomo. Più di 100.000 persone hanno citato in giudizio la Monsanto negli Stati Uniti sostenendo che l’esposizione agli erbicidi a base di glifosato della società ha causato loro o ai loro cari lo sviluppo di NHL.

I querelanti nel contenzioso nazionale sostengono anche che la Monsanto ha cercato a lungo di nascondere i rischi dei suoi erbicidi. La Monsanto ha perso tre dei tre processi e il suo proprietario tedesco Bayer AG ha trascorso l’ultimo anno e mezzo cercando di risolvere la controversia riconoscendo un maxi risarcimento.