Pesticidi, l’Europa blocchi l’importazione di quelli vietati

PESTICIDI

PAN Europe insieme a più di 70 organizzazioni della società civile hanno scritto alla Commissione europea per chiederle di porre fine ai doppi standard dell’Ue in relazione ai pesticidi. In altre parole, la lettera critica il fatto che l’Unione europea approva l’esportazione verso paesi terzi di pesticidi ritenuti troppo pericolosi senza considerare che queste sostanze ritornano in Europa negli alimenti dove sono stati utilizzati.

“Le aziende europee  – si legge nella lettera – stanno approfittando delle deboli leggi nazionali in materia di salute umana e ambiente per vendere a paesi terzi pesticidi considerati troppo pericolosi per l’uso in Europa. Ciò è semplicemente immorale, ma la Commissione sta dando il suo consenso ”, afferma Angeliki Lysimachou, responsabile della politica scientifica di PAN Europe.

Secondo una recente indagine, nel 2018 i paesi membri dell’UE hanno approvato l’esportazione di 81.615 tonnellate di pesticidi contenenti 41 sostanze di cui è stato vietato l’uso nei settori europei a causa di problemi ambientali e sanitari.

Uno studio diverso ha mostrato che i residui di 74 pesticidi vietati nell’UE sono stati trovati negli alimenti testati sul mercato europeo nel 2018. “Con una sorta di effetto boomerang, questi pesticidi tornano in Europa come residui trovati nei prodotti alimentari importati” continua Lysimachou.

Le organizzazioni firmatarie chiedono alla Commissione di mantenere il proprio impegno nell’ambito della Strategia per la sostenibilità dei prodotti chimici per garantire che i pesticidi pericolosi vietati nell’Unione europea non siano prodotti per l’esportazione. Allo stesso tempo, l’Ue dovrebbe garantire che i pesticidi vietati non siano consentiti come residui negli alimenti immessi sul mercato europeo. Gli sforzi non devono essere limitati a livello europeo e la Commissione deve contribuire a creare un nuovo meccanismo delle Nazioni Unite per promuovere l’eliminazione graduale dei pesticidi altamente pericolosi a livello globale