Lo studio su donne anziane: mangiare pesce protegge il cervello dallo smog

pesce

Mangiare due porzioni a settimana di pesce o molluschi al forno o alla griglia può fornire alla dieta la quantità sufficiente di omega-3 per contrastare gli effetti dell’inquinamento atmosferico sul cervello. La ricerca è firmata dai ricercatori della Columbia University di New York ed è basata su oltre 1300 donne anziane.

Come riporta FoodNavigator, la scoperta è avvenuta valutando i risultati raccolti tra le donne anziane che vivevano in aree con alti livelli di aria inquinamento: coloro che avevano i livelli più bassi di acidi grassi omega-3 nel sangue hanno avuto un restringimento del cervello maggiore rispetto alle donne che avevano i livelli più alti. Nello studio, pubblicato su Neurology, la rivista medica dell’American Academy of Neurology, 1.315 donne con un’età media di 70 anni sono state studiate per tre anni. I ricercatori hanno calcolato la media quantità di pesce che ogni donna ha consumato ogni settimana, incluso pesce alla griglia o al forno, tonno in scatola, tonno insalata, tonno in casseruola e molluschi non fritti. Il pesce fritto non è stato incluso perché la ricerca ha dimostrato in profondità la frittura danneggia gli acidi grassi omega-3.

Il campione di donne anziane

L’autore dello studio Ka He ha dichiarato: “È stato dimostrato che gli acidi grassi Omega-3 combattono le infiammazioni e mantengono la struttura cerebrale nei cervelli che invecchiano, è stato anche scoperto che riduce i danni cerebrali causati da neurotossine come il piombo e il mercurio. Quindi abbiamo esplorato se gli acidi grassi omega-3 hanno un effetto protettivo contro un’altra neurotossina, il particolato ne trovato nell’aria
inquinamento.” I ricercatori hanno utilizzato gli indirizzi di casa delle donne per determinare la loro esposizione media di tre anni all’aria inquinamento. I partecipanti sono stati quindi sottoposti a esami del sangue per misurare la quantità di acidi grassi omega-3 contenuti
i loro globuli rossi. Avevano anche scansioni cerebrali per misurare funzioni come la memoria.

I risultati

Dopo aver adattato l’età, l’istruzione, il fumo e altri fattori che potrebbero influenzare il restringimento del cervello, i ricercatori ha scoperto che le donne che avevano i più alti livelli di acidi grassi omega-3 nel sangue avevano maggiori volumi di sostanza bianca rispetto a quelli con i livelli più bassi.  I ricercatori lo hanno scoperto per ciascuno
aumento di un quartile dei livelli di inquinamento atmosferico, il volume medio della sostanza bianca era inferiore di 11,52 cm3 tra persone con livelli più bassi di acidi grassi omega-3 e 0,12 cm3 più piccoli tra quelli con livelli più alti.
Le donne con i più alti livelli di acidi grassi omega-3 nel sangue avevano anche volumi maggiori di ippocampo. “Le nostre scoperte suggeriscono che livelli più elevati di acidi grassi omega-3 nel sangue derivanti dal consumo di pesce possono preservare
volume del cervello quando le donne invecchiano e possibilmente proteggono dai potenziali effetti tossici dell’inquinamento atmosferico”.

I limiti della ricerca

È importante notare – scrive FoodNavigator – che lo studio ha trovato solo un’associazione tra volume cerebrale e consumo di pesce. Non è così dimostrato che mangiare pesce preserva il volume del cervello. “E poiché studi separati hanno trovato alcune specie di pesce contengono tossine ambientali, è importante parlare con un medico di quali tipi di pesce mangiare prima di aggiungere
più merda alla tua dieta” ha spiegato l’autore della ricerca.
Una limitazione dello studio era che la maggior parte dei partecipanti erano donne bianche anziane, quindi i risultati non possono essere generalizzato ad altri. Inoltre, i ricercatori sono stati in grado di esaminare solo l’esposizione all’inquinamento atmosferico nell’età avanzata, non esposizioni precoci o di mezza età, quindi studi futuri dovrebbero esaminare l’esposizione all’inquinamento atmosferico attraverso la vita di una persona.