Il Kit Kat di Nestlé non sarà più Fairtrade

Circa 27.000 agricoltori di cacao e zucchero sono destinati a perdere premi annuali per un valore di £ 1,6 milioni dopo che Nestlé ha annunciato che i loro KitKats nel Regno Unito e in Irlanda non saranno più Fairtrade. Da ottobre, infatti, il cacao per KitKats è “certificato” dalla stessa multinazionale – Cocoa Nestlé che segue i canoni Rainforest Alliance – mentre lo zucchero proviene principalmente dal Regno Unito, e in alcuni casi dalla Francia.

Questa è una notizia profondamente deludente” ha commentato Michael Gidney, CEO della Fairtrade Foundation sottolineando che la scelta di Nestlé giunge dopo un decennio di collaborazione. “Gli agricoltori si sono fatti strada per combattere la povertà grazie all’impegno di Nestlé di acquistare Fairtrade negli ultimi 10 anni. Il ritiro del supporto di Nestlé avrà un impatto enorme. Gli agricoltori hanno chiesto molto chiaramente a Nestlé di continuare ad acquistare cacao Fairtrade ma Nestlé si è solo detta disposta ad acquistare il cacao da loro ma non a condizioni Fairtrade”.

Il reddito Fairtrade

Sotto Fairtrade, gli agricoltori di cacao guadagnano un prezzo minimo di circa £ 1.900 per tonnellata per i loro semi di cacao venduti a condizioni Fairtrade – con il potenziale per guadagnare di più se il prezzo di mercato è più alto – nel tentativo di proteggerli dalla volatilità del mercato globale. Inoltre, un premio Fairtrade di circa £ 190 per tonnellata di fave di cacao viene pagato alle cooperative agricole certificate, che viene speso in progetti comunitari come la costruzione di scuole o centri sanitari, migliorando la produttività e la qualità.

..e quello di Cocoa Nestlé

Nell’ambito del piano Cocoa di Nestlé, gli agricoltori riceveranno un premio di appena £ 47,80 per tonnellata, stabilito dalla Rainforest Alliance, che l’anno scorso avrebbe comportato una disparità di £ 1,57 milioni. Nestlé, che ha registrato profitti globali di oltre 10 miliardi di sterline l’anno scorso, investirà anche 1,5 milioni di sterline nella transizione nei prossimi due anni, ma non ci sono garanzie di prezzo per gli agricoltori oltre a questo.

Il responsabile tecnico globale della pasticceria Nestlé, Simon Billington, afferma: “Siamo consapevoli che la mossa avrà un impatto su alcuni agricoltori e stiamo lavorando duramente per mitigarlo”. Un portavoce di Nestlé ha affermato che il marchio pagherà più che mai per il suo cacao nella stagione 2020-21, in quanto pagherebbe anche un “differenziale del reddito vivente” fissato dai governi della Costa d’Avorio e del Ghana per circa £ 2,2 milioni. Tuttavia, i marchi Fairtrade pagheranno anche il differenziale di $ 400 per tonnellata.

Nestlé non è sola

Nestlé non è l’unico marchio ad abbandonare Fairtrade. Mondelez ha ritirato il logo Fairtrade dal suo Dairy Milk Bar di Cadbury, optando per il proprio programma Cocoa Life nel 2016, e Green and Blacks hanno lanciato un’edizione non Fairtrade nel 2017, entrambi di proprietà di Mondelez.

Fairtrade Italia

Un invito a Nestlé a ripensare la sua decisione giunge anche da Fairtrade Italia: “Invitiamo Nestlé a continuare a negoziare con noi rappresentanti dei produttori e con il circuito Fairtrade per trovare un accordo che faccia riconsiderare la decisione di non acquistare più cacao a condizioni Fairtrade. Chiediamo a Nestlé di portare avanti l’impegno di questi ultimi dieci anni e di non tagliare l’ancora di salvataggio che è il Premio Fairtrade, proprio in questa fase in cui è più necessaria!”

Al di là della nuova emergenza costituita dalla pandemia – continua l’organizzazione – i produttori vivono una situazione pregressa di povertà endemica, mancanza di servizi, redditi bassi e non prevedibili e cambiamento climatico. Fairtrade significa accesso all’educazione per i figli, accesso a cure mediche, elettricità per permettere ai figli di studiare, miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro per contadini che vivono nelle più remote aree dove si coltiva il cacao.

Nessun’altra certificazione indipendente, oltre a Fairtrade, assicura un Premio così alto per il cacao: 240$ a tonnellata, che va direttamente alle cooperative dei produttori in aggiunta rispetto al prezzo di mercato.