Dicamba, la Corte federale ribalta la decisione dell’Epa: non può essere spruzzato su soia e cotone

Gli agricoltori non possono più spruzzare il dicamba sulla soia e il cotone geneticamente modificati. E’ quanto ha deciso la Corte d’Appello del Nono Circuito degli Stati Uniti che si è espressa su un ricorso presentato da alcune organizzazioni agricole secondo cui l’Epa ha autorizzato illegalmente l’uso del diserbante.

Il dicamba è diventato famoso negli ultimi anni dopo che il gigante dell’agroindustria Monsanto ha introdotto semi di soia e cotone geneticamente modificati che resistono all’erbicida. Questo significa che gli agricoltori dovranno immediatamente cessare l’uso del dicamba su milioni di acri di colture nel Midwest e nel Sud. Saranno interessati circa 60 milioni di acri di colture.

La portavoce della Bayer Susan Luke ha dichiarato che la società “non è assolutamente d’accordo” con la sentenza e sta valutando le sue opzioni.

Da quando sono state rilasciate nuove versioni di dicamba prodotte da Monsanto e Basf per la stagione di crescita 2017, il dicamba ha danneggiato ogni anno milioni di acri di colture non resistenti e aree naturali poste accanto alle aree trattate con il diserbante. L’erbicida è anche al centro di centinaia di cause intentate per il danno. All’inizio di quest’anno, una giuria del Missouri ha assegnato a un coltivatore di pesche $ 265 milioni per danni causati dal dicamba ai suoi raccolti.

L’Epa ha inizialmente approvato il dicamba nel 2016 per due anni e poi ha riaffermato tale decisione nel 2018 per altri due anni durante la stagione di crescita 2020.

Secondo la Corte, l’agenzia ha violato la legge federale sugli insetticidi, fungicidi e rodenticidi, comunemente denominata FIFRA, non avendo prove sufficienti a supporto della sua decisione, incluso il fatto di non avere un solo studio che esamina come il movimento del dicamba fuori bersaglio influisce sulla resa della soia.

Il gruppo di tre giudici, ha concordato con i querelanti, scoprendo che l’Epa ha sottovalutato e ignorato molti rischi che il dicamba ha imposto agli altri agricoltori e al mondo naturale. Secondo il tribunale, l’EPA ha minimizzato la quantità di superficie coltivata a semi tolleranti al dicamba e la quantità di dicamba spruzzata. Il tribunale ha dichiarato che l’EPA “ha affermato di essere agnostico riguardo al fatto che i reclami formali del danno dicamba sottostimati o abbiano sovrastimato il danno reale, quando le prove documentali hanno mostrato chiaramente che il danno dicamba era sostanzialmente sottostimato”.